Comunicati Stampa

LA CIU PRESENTA IL CONVEGNO “BALLA E ROMA”.

Si è svolto mercoledì 30 gennaio presso la Sede Nazionale CIU l’importante convegno “Balla e Roma”. L’evento, connesso alla mostra “Balla a Villa Borghese” in corso al Museo Bilotti Aranciera di Villa Borghese, è stato introdotto e coordinato dal Dott. Marco Ancora, Responsabile del Dipartimento Cultura CIU.

La Prof. Francesca Jacobone Presidente di Zetema ha salutato gli ospiti e presentato l’iniziativa, che ha visto come relatori la Dott.ssa Elena Gigli, considerata la massima autorità sul Maestro, curatrice della mostra di Roma, ed il Fotografo Mario Ceppi, autore dei materiali fotografici.

Hanno partecipato all’incontro oltre cento personalità tra cui Presidenti di Fondazioni, Direttori di Archivi, Dirigenti, Quadri, Imprenditori, Giornalisti e Collezionisti.

Il Consigliere CESE – Comitato Economico e Sociale Europeo – Ing. Tommaso di Fazio ha poi salutato gli ospiti intervenuti.

LA CIU PARTECIPA ALLA INAUGURAZIONE DEL POLO ESPOSITIVO DELLA GRANDE STAZIONE AV DI NAPOLI AFRAGOLA.

Nella magnifica Stazione AV di Napoli Afragola, capolavoro dell’architettura contemporanea mondiale firmata da Zaha Hadid, la celebre Archistar anglo-irachena scomparsa nel 2016, si è inaugurata, per la prima volta in assoluta anteprima, la grande Sala espositiva in occasione della Mostra fotografica di Riccardo De Massimi  “Il  Cielo  oltre  gli  Dei”, con la presenza di una delegazione CIU, delle RFI, del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri On. Giuseppina Castiello (nella foto), dei Sindaci di Afragola e di Acerra e di numerose altre Istituzioni.

La Cerimonia inaugurale si è tenuta la mattina di sabato 12 gennaio 2019, un orario che ha consentito ai tanti invitati di apprezzare al meglio, immersa nella luce mattutina, la straordinaria struttura architettonica progettata dal grande Architetto che con l’Italia, e in particolar modo con la Campania, ha avuto un rapporto duraturo quanto privilegiato.

Ha introdotto l’Ing. Francesco Favo, Direttore Asset della RFI, sono poi intervenuti i Sindaci di Afragola Dott. Claudio Grillo e di Acerra Dott. Raffaele Lettieri.

Il Dott. Marco Ancora, ringraziando le Autorità, ha parlato della straordinaria importanza di questo Centro polifunzionale, la cui progettualità riguarda un intero territorio con ricadute fondamentali su tutti i settori imprenditoriali e di come la cultura sia ora più che mai un elemento centrale e trainante per il Sistema Paese. Infatti, questo progetto parte con l’Inaugurazione della grande infrastruttura nel 2017, un elemento di 30.000 mq disposto su quattro livelli e con un corpo centrale di 400 metri, con le gallerie commerciali disposte sulla parte superiore. Il flusso è di 36 treni tra Frecce e Italo al giorno, e arriverà ad una utenza di circa 3 milioni di persone prevista per la seconda fase, nel 2022, Questa importante Mostra attiva di fatto le enormi potenzialità del Centro polifunzionale che viene a crearsi per la Stazione AV di Napoli Afragola, dando continuità al “sistema in movimento” auspicato dal Primo Ministro Gentiloni nella Inaugurazione del 2017, e seguito alle parole di Patrik Shumacher, Responsabile capo della Zaha Hadid Architects, che parlava di “progetto non finito all’interno di un processo di graduale sviluppo”, in cui l’evento odierno, curato dalla critica Barbara Martusciello, si inserisce a pieno titolo rilanciando così il territorio, soprattutto in considerazione del particolare e delicato momento.

Il Sottosegretario On. Giuseppina Castiello ha illustrato il grande interesse dello Stato verso questa strategica infrastruttura e la enorme importanza che costituisce non solo per il Sud ma per l’Italia intera, augurandosi che manifestazioni come questa possano proseguire in modo strutturale e continuativo.

La Delegazione CIU si è poi intrattenuta con tutte le Istituzioni presenti La CIU ha dato il Patrocinio a questa grande iniziativa. Si ringrazia Rete Ferroviaria Italiana.

Info Mostra

Riccardo De Massimi | Il Cielo oltre gli Dei – Mostra fotografica a cura di Barbara Martusciello

Testi: Marco Ancora – Responsabile Dipartimento Cultura CIU

Barbara Martusciello – Critico d’arte, Co-Fondatrice e Caporedattore di Artapartofculture

Inaugurazione: Sabato 12 gennaio 2019, dalle ore 11.00

Sala espositiva della Stazione AV di Napoli Afragola, 80021 Afragola (NA)

Dal 13 gennaio al 2 febbraio 2019. Orari: 08.00 – 22.00 – Ingresso libero

Si ringrazia RFI per la collaborazione.

Con il Patrocinio di CIU – Confederazione Italiana di Unione delle Professioni Intellettuali, ex Unionquadri

Invito Inaugurazione Mostra: La Stazione di Afragola di Zaha Hadid apre all’Arte Contemporanea

Invito

Riccardo De Massimi | Il  Cielo  oltre  gli  Dei

Mostra fotografica a cura di Barbara Martusciello

 Testi: Marco Ancora, CIU – Barbara Martusciello, Curatrice

  Inaugurazione: Sabato 12 gennaio 2019 ore 11.00

Sala Espositiva della Stazione AV di Napoli Afragola

 

Per gentile concessione Rete Ferroviaria italiana

Patrocinio: CIU – Confederazione Italiana di Unione delle Professioni Intellettuali, ex Unionquadri

Vin d’honneur

LA CIU A PALAZZO CHIGI PER LE CONSULTAZIONI SULLA MANOVRA ECONOMICO FINANZIARIA 2019.

La CIU ha partecipato il 21 dicembre a Palazzo Chigi, nella Sala Verde, alle consultazioni sulla manovra economico finanziaria 2019.  L’incontro, voluto dalla Presidenza del Consiglio per esporre alle rappresentanze sociali le linee del Governo, ha dato modo a CIU di esprimere il proprio giudizio e i propri suggerimenti direttamente al Presidente Giuseppe Conte che ha presieduto senza interruzioni tutta la riunione.

Al Presidente Conte, che era affiancato dal Sottosegretario al Lavoro Claudio Durigon,  CIU ha in primo luogo richiamato le proprie osservazioni già presentate in sede CNEL legate alla mancanza nella manovra di investimenti pubblici adeguati, base strategica per la ripresa occupazionale e lo sviluppo economico, specialmente nel Sud ove maggiormente necessario; CIU ha poi esposto il proprio disaccordo sulla parte della manovra che riguarda i pensionati, in particolare quelli delle proprie categorie rappresentate, i Quadri aziendali e pubblici, che per le peculiari caratteristiche di responsabilità e merito hanno avuto nella propria carriera stipendi più elevati e quindi oggi godono, meritatamente, di pensioni più elevate. La misura, ha proseguito il Presidente CIU Tommaso di Fazio, ha caratterizzato i Governi precedenti e non la si attendeva dall’attuale Governo dichiaratosi di “cambiamento”.  Anche, trattandosi di contributo di solidarietà, CIU ha rilevato la incomprensibilità della applicazione del contributo ad una sola categoria sociale, quella dei pensionati, tipicamente debole contrattualmente, mentre il provvedimento dovrebbe per equità gravare sulla intera collettività dei contribuenti, proporzionalmente ai redditi.

In merito di reddito di cittadinanza CIU ha richiamato la propria proposta, già avanzata in novembre alla Presidenza del Consiglio, che auspica e appoggia un provvedimento che veda erogare la misura direttamente da parte datoriale attraverso un percorso di formazione e lavoro.

Il Presidente Conte, nella risposta, ha difeso la manovra come congegnata, anche sicuro il Governo di resistere a ogni opposizione di merito che potrà essere presentata in sede giurisdizionale per la parte che riguarda i pensionati, mentre ha informato che la proposta di CIU che riguarda il reddito di cittadinanza è stata valutata positivamente ed è già oggetto di attuazione presso il Ministero del Lavoro che la sta elaborando per tenere conto delle complessità e prudenze che il provvedimento richiede.

Infine, il Presidente CIU Tommaso di Fazio ha auspicato consultazioni regolari e frequenti, a differenza di quanto avvenuto con i Governi immediatamente precedenti, avendo in questa rassicurazione da parte del Presidente Conte che ha dichiarato di voler instaurare un dialogo di positivo confronto. Di Fazio ha presentato, in conclusione di riunione, una breve nota sulle posizioni di CIU che anticipano i maggiori dettagli che verranno presentati in seguito.

LA CIU ALLA CERIMONIA DEGLI AUGURI DI FINE ANNO AL QUIRINALE.

Si è svolta ieri a Palazzo del Quirinale la tradizionale Cerimonia per lo scambio degli auguri di fine anno del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, con i rappresentanti delle Istituzioni, delle Forze Politiche e della società civile.

Per la CIU era presente il Presidente Nazionale Tommaso di Fazio.

Aumenti pensioni 2019.

Aumenti pensioni 2019

La perequazione interesserà tutte le pensioni, di qualunque importo. L’aumento è fisso per le pensioni d’importo fino al «minimo Inps»; quelle d’importo superiore aumentano, invece, con incrementi che si differenziano a seconda dell’entità della pensione soggetta alla rivalutazione (ovvero di tutte le pensioni soggette a rivalutazione, se il pensionato ne possiede più di una).

Salvo nuove riforme dell’ultima ora dall’anno prossimo cambierà il criterio di perequazione, ossia ritornerà operativo il mec­canismo originario della legge n. 388/2000, in base al quale la rivalutazione è attribuita:

  1. al 100% dell’Istat alle pensioni fino a tre volte il minimo Inps;
  2. al 90% per le fasce d’importo comprese tra e cinque volte il trattamento minimo Inps;
  3. al 75% per le fasce d’importo superiori a cinque volte il trattamento minimo lnps.

Di conseguenza, in base a un tasso di rivalutazione dell’1%, l’aumento risulterà così articolato.

1% (ossia aliquota d’incremento intera) sulla fascia di pensione mensile fino a 1.523 euro (cioè tre volte il minimo Inps a dicembre 2018);

0,90% (ossia 90″o dell’aliquota d’in­cremento) sulla fascia di pensione mensile compresa tra 1.523 euro (tre volte il mini­mo Inps a dicembre 2018) e 2.538 euro (cinque volte il minimo Inps a dicembre 2018);

0,75% (ossia 75% dell’aliquota d’in­cremento) sulla fascia di pensione mensile superiore a 2.538 euro (cinque volte il mi­nimo Inps a dicembre 2018).

Con le nuove regole (vale a dire con il ri­torno all’originaria formula di perequazio­ne) a trarne il maggior beneficio saranno le pensioni d’importo superiore a 2.030 euro mensili lordi.

Minime Sociali
Con l’incremento dell’1 % l’importo del trattamento minimo sale da 507,42 a  512,49 euro a mese. Sale anche l’asse­gno sociale passando da 453 a 457,53 euro a mese; mentre la pensione socia­le, ancora prevista per chi ne era titolare al 31 dicembre 1995, raggiunge 377,06 euro a mese (dai 373,33 euro a mese di quest’anno).

Il trattamento minimo è l’integrazione corrisposta al pensionato la cui pensione derivante dal calcolo dei contributi versa­ti è d’importo molto basso, al di sotto di quello che viene considerato il “minimo-vitale”. In tal caso l’importo della pensione è aumentato (si dice: integrato) fino a raggiungere questa cifra “il minimo Inps”) nell’importo fissato dalla legge e rivalutato di anno in anno. L’integrazione e riconosciuta a condizione che il pensionato e l’eventuale coniuge abbiano redditi non superiori ai prestabiliti dalla legge e rivalutati per anno.

Gli importi di pensioni
Trattamento minimo 512,49

Assegno Sociale           457,53

Pensione Sociale          377,06

Aumenti delle pensioni superiori al minimo
Oltre          a

O                1.523 euro         aumento   1% (100 %)

1523         2.538 euro         aumento   0,90%

2538         ‘importo di pensione          0,75%

CIU: QUADRI E VICEDIRIGENTI NEL PUBBLICO IMPIEGO NELLE PROSPETTIVE DI UNA RIFORMA.

La CIU tramite il Suo Centro Studi “Corrado Rossitto” di Trieste ha presentato nella giornata di venerdì 9 novembre u.s., presso la Sala Consigliare della Città Metropolitana di Napoli un forum Nazionale CIU su: “Quadri e Vicedirigenti nel Pubblico Impiego nelle prospettive di una riforma”.

Ha aperto i lavori il Presidente CIU, Ing. Tommaso di Fazio, il quale ha sottolineato l’importanza del riconoscimento della categoria dei quadri anche nel Pubblico Impiego e come la CIU sia portavoce delle istanze della categoria rappresentata.

Il Segretario Regionale CIU Campania, Dott. Paolo Colitti, dopo il saluto di benvenuto, ha dato la parola all’On. Rina De Lorenzo, membro della Commissione Lavoro della Camera.

L’On. De Lorenzo nella Sua relazione ha sottolineato l’importanza della categoria dei quadri, categoria intermedia tra il dirigente e l’impiegato, del lavoro che svolgono e dell’elevata professionalità.

Nella Sua conclusione l’On. De Lorenzo si è impegnata a portare alla Commissione Lavoro della Camera questo argomento, affinché si trovi una soluzione colmando questo vuoto normativo per i diritti del personale che svolge questo tipo di mansione, diritti anche in termini economici, attraverso proprio il riconoscimento della categoria dei quadri all’interno del Pubblico Impiego.

L’avv. Fabio Petracci, Presidente del Centro Studi CIU “Corrado Rossitto” ha illustrato come, dal riconoscimento legale della categoria, con la Legge 190 del 1985, il ruolo dei Quadri si sia trasformato e dell’importanza di inserire questa categoria anche all’interno del Pubblico Impiego.

Nella sua relazione il Prof. Nicola De Marinis – Consigliere della Corte di Cassazione – Sezione Lavoro ha sottolineato il lungo cammino che la categoria dei quadri ha dovuto affrontare prima del riconoscimento della categoria nel settore privato, attraverso l’approvazione della Legge 190/85 e di come sia ancora lungo il cammino per arrivare al riconoscimento di detta categoria anche nel Pubblico Impiego.

Il Prof. Antimo di Geronimo della Gilda Unams, ha sottolineato come sia importante il riconoscimento della categoria dei quadri all’interno del Pubblico Impiego, portando proprio l’esempio della scuola.

Il Prof. Giancarlo Perone, già Ordinario di diritto del lavoro e membro del Comitato scientifico CIU, nel suo intervento ha evidenziato l’importanza dell’iniziativa del riconoscimento della categoria dei quadri all’interno del Pubblico Impiego per il raggiungimento dell’obiettivo di una rappresentanza sempre più specifica della categoria e il riconoscimento dell’attività svolta.

Dopo gli interventi del pubblico, quadri di importanti aziende nazionali, professionisti, dirigenti del Pubblico Impiego e della Scuola, ha chiuso i lavori l’ing. di Fazio che ha proposto, assieme all’avvocato Petracci di istituire un gruppo di Studio dedicato alla presentazione di un “progetto” normativo per il riconoscimento della categoria dei Quadri all’interno del Pubblico Impiego, favorevole all’iniziativa anche l’On. De Lorenzo che si resa disponibile.

Per un’anagrafe unica dei contratti collettivi di lavoro: criteri di classificazione e rappresentatività.

Una delegazione CIU ha partecipato lo scorso 29 novembre al Convegno di presentazione del lavoro di collaborazione tra CNEL e INPS, che su impulso delle Parti sociali hanno avviato un percorso comune di messa a sistema delle rispettive banche dati in materia di contrattazione.

Gli attuali sistemi di classificazione dei Contratti collettivi nazionali, scaturiti dalle diverse esigenze delle Istituzioni pubbliche che li adottano, sono caratterizzati da una forte disomogeneità, sia di metodo che di contenuto. Occorre una struttura identificativa degli accordi che funga da riferimento unico per tutti i soggetti pubblici e privati che si occupano di relazioni industriali.

Hanno preso parte ai lavori, presentando il frutto dell’intesa attività di collaborazione tra le due istituzioni, il Presidente del CNEL Tiziano Treu, quello dell’INPS Tito Boeri, il dott. Ferdinando Montaldi della Direzione centrale entrate e recupero crediti dell’INPS e del consigliere esperto del CNEL Claudio Lucifora.

La definizione di una classificazione omogenea degli accordi collettivi detenuti nei data-base pubblici deve essere accompagnata da una regolazione condivisa dei criteri di misurazione delle strutture di rappresentanza. L’intenzione è quella di far riferimento agli accordi interconfederali e di misurare la rappresentatività tramite un criterio misto, fondato su dato elettorale e numero di deleghe. dove non è presente il dato elettorale, andranno contemplati altri criteri, quali, ad esempio, la bilateralità.

È seguito un dibattito con i rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali e delle Organizzazioni datoriali presenti, mentre le conclusioni sono state affidate al Sottosegretario al Ministero del Lavoro e dello Sviluppo economico, on.le Claudio Durigon, il quale ha manifestato l’intenzione di convocare, già da gennaio, le organizzazioni sindacali e datoriali, per dare tutti insieme, istituzioni e parti sociali, una definitiva risposta all’esigenza di rappresentanza.