CESE: IL PRESIDENTE CIU TOMMASO DI FAZIO PRESIEDE IL GRUPPO DI LAVORO PER IL PARERE SULL’IMPIANTO DIMOSTRATIVO A FUSIONE NUCLEARE.

Nella riunione del 29 ottobre 2018 si sono svolti i lavori del Gruppo di Studio della Sezione Trasporti, energia, infrastrutture e società dell’informazione – TEN del CESE a cui è stato affidato il compito di produrre il Parere in merito al progetto ITER per la costruzione di un prototipo da 500 MW dimostrativo della possibilità di utilizzo dell’energia da fusione nucleare su scala industriale. I lavori sono stati presieduti dal Presidente CIU Tommaso di Fazio.

Il Parere che verrà fornito alla Commissione Europea rileva l’importanza del progetto per la realizzazione di ITER (International Termonuclear Experimental Reactor) che non riguarda solo l’Europa, che ha ruolo di leader attraverso Euratom, ma partecipano in parti uguali anche Stati Uniti, Russia, Giappone, Cina, Corea del Sud e India. Lo stanziamento previsto, nell’ambito del quadro finanziario pluriennale della UE per il periodo 2021 – 2027, è di 6,07 miliardi di euro.

Il reattore sperimentale ITER, ubicato in Francia a Cadarache, località tra Marsiglia e Lione, segue il progetto preliminare Joint European Torus (JET) istallato a Culham, nel Regno Unito, vicino Oxford, per l’attivazione e studio, in impianto prototipo, del plasma che costituirà il “core” del reattore  nucleare e raggiungerà temperature di milioni di gradi Celsius.

La realizzazione del prototipo sperimentale ITER a fusione nucleare, su scala industriale, presenta grandi rischi per la effettiva realizzazione, rischi legati alla ricerca di stabili soluzioni e materiali, capaci di resistere alle elevatissime temperature, mentre non presenta rischi per la salute dell’uomo, oggi salvaguardati delle copiose norme seguite per tutte le costruzioni dei reattori nucleari nel mondo. Inoltre la fattibilità di ITER, prevista al 2025 come prima tappa di accensione del plasma, al 2035 per il funzionamento del prototipo da 500 MW, e al 2045 per la sua implementazione, mostrerebbe la potenzialità della fonte di energia che è interamente ecologica, perché praticamente priva di  scorie nucleari, ed è ampiamente ecosostenibile (rinnovabile) perché i componenti deuterio e trizio sono abbondantissimi in natura e facilmente estraibili, e in pratica rigenerati nel processo.

Il Presidente CIU, Ing. Tommaso di Fazio, ha in modo particolare voluto inserire nel parere  l’importanza dell’Unione Europea che mostra la sua integralità nell’attuazione del progetto,  non altrimenti possibile da parte dei singoli paesi, né possibile a livello planetario anche solo dall’Europa.

Inoltre nel parere il Presidente Di Fazio ha tenuto a sottolineare l’importanza di comunicare a tutti i cittadini europei sia il progetto sia i suoi risultati che sono attesi dall’ingente sforzo compiuto dalla ricerca internazionale e dall’industria, solo in Europa con importanti ricadute per circa tre miliardi nel periodo 2021-2027  anche per le PMI e il lavoro.

LA CIU PARTECIPA A BOLOGNA AL FORUM SUL GDPR.

Giovedì 18 Ottobre si è svolto alla Fiera di Bologna, in occasione del “18° Salone Ambiente Lavoro” l’importante Forum dal titolo  “La Protezione dei Dati Personali dopo il GDPR e il Decreto Legislativo di adeguamento n. 101/2018: nuove garanzie e opportunità”.

Il Forum, organizzato da Enbital e patrocinato dalla CIU (Confederazione Italiana di Unione delle Professioni Intellettuali – ex Unionquadri) ha avuto come ospite principale il Prof. Mario De Bernart, Direttore dell’Ufficio Istituzionale e Legislativo del Garante per la Protezione dei Dati Personali, il quale ha svolto una lunga relazione su quelle che sono le premesse europee e su come si stanno attualmente sviluppando le tematiche italiane inerenti al GDPR.

Il Dott. Paolo Colitti ha presentato il convegno ed i relatori.

La Dott.ssa Gabriella Ancora, Vice Presidente Vicario della CIU ha spiegato perché la Confederazione ha voluto aderire e patrocinare il Forum, illustrando la figura dei Quadri, delle Categorie Professionali e delle relative rappresentanze, del CNEL e del CESE.

Il Dott. Marco Ancora ha introdotto e moderato il Convegno che ha visto la grande partecipazione di un pubblico specialistico con il quale il Prof. De Bernart si è confrontato nel corso del successivo dibattito.

Data l’estrema importanza e l’attualità degli argomenti trattati si è deciso di procedere ad un secondo, futuro convegno in merito ai prossimi stati di avanzamento della materia.

Rome Art Week III edizione 22-27 ottobre 2018 – Conferenza stampa 15 ottobre 2018 ore 11.30

Rome Art Week III edizione
22-27 ottobre 2018

Conferenza stampa 15 ottobre 2018 ore 11.30
Sala da Feltre | Via Benedetto Musolino, 7 – Roma

 

Lunedì 15 ottobre 2018 alle ore 11.30, presso la Sala da Feltre, si svolgerà la conferenza stampa di presentazione della terza edizione di Rome Art Week. Durante la conferenza, presieduta da Massimiliano Padovan di Benedetto e Micaela Legnaioli, fondatori e organizzatori dell’art week romana, interverranno il Responsabile Nazionale CIU Dipartimento Cultura Marco Ancora e gli storici dell’arte Alberto Dambruoso e Claudio Strinati.

Rome Art Week, la settimana dell’arte capitolina, raggiunge anche per questa terza edizione numeri considerevoli: 154 tra Gallerie, Fondazioni, Istituti di Cultura ed Accademie, 314 Artisti, 29 curatori, 336 eventi (i numeri sono in costante aggiornamento).

RAW è una manifestazione a cadenza annuale che si pone l’ambizioso obiettivo di fornire un impulso nuovo alla promozione, produzione e al mercato dell’arte contemporanea della Capitale, proiettandola nei circuiti internazionali, puntando alla costruzione di una rete tra strutture espositive, artisti, critici e curatori d’arte.
Dal 22 al 27 ottobre 2018 Roma sarà invasa da eventi, progetti espositivi, talk, conferenze, performance, open studio, visite guidate, dando così mostra di quanto il mondo artistico contemporaneo capitolino sia fertile e articolato.
Tutti i partecipanti, strutture e spazi espositivi, organizzeranno uno o più eventi per presentare e promuovere al pubblico la loro visione dell’arte contemporanea; gli artisti apriranno ai visitatori le porte dei propri studi, o di uno spazio di riferimento, per mostrare la loro ricerca; e da quest’anno anche i curatori potranno essere parte di RAW presentando progetti espositivi ad hoc.
Per guidare il pubblico nella moltitudine di eventi fruibili, noti critici, curatori e operatori del settore forniranno il loro punto di vista sui partecipanti e sugli eventi delineando percorsi omogenei ed evidenziando le eccellenze della manifestazione.
Il sito web romeartweek.com fornirà le informazioni necessarie sull’iniziativa: dalle strutture e gli artisti e curatori aderenti, agli appuntamenti e gli incontri della settimana, il tutto on line mediante il calendario degli eventi, costantemente aggiornato, e la mappa interattiva dei luoghi da visitare. Le copie cartacee saranno disponibili presso le strutture che partecipano a RAW.

Gli aderenti avranno nel sito una scheda biografica e schede evento: la scheda biografica rimarrà disponibile sul sito sino all’edizione successiva, creando così una mappatura degli artisti, curatori e delle gallerie di Roma.

Tutti i progetti ed eventi partecipanti a RAW 2018 verranno raccolti successivamente in un catalogo cartaceo, una Directory diffusa sul territorio e valida fino all’autunno 2019, non legata al periodo della manifestazione, ma funzionale a fornire una sintesi dello “stato di fatto” degli operatori del settore attivi nella città di Roma.

La partecipazione a RAW è totalmente gratuita e non sono ammessi eventi che prevedano un costo d’ingresso.
La festa inaugurale di Rome Art Week 2018 si svolgerà domenica 21 ottobre 2018 dalle ore 19.00 presso il Chorus Café – Via della Conciliazione, 4 Roma. Venerdi 26 ottobre dalle 20:00 all’1:00, presso Borgo Ripa, si terrà Rome Art Week Party.

 

Rome Art Week è promossa da KOU – Associazione no profit per la promozione delle Arti visive.

L’iniziativa è parte del programma di Contemporaneamente Roma 2018 promossa da Roma Capitale-Assessorato alla Crescita culturale e realizzato in collaborazione con SIAE.
Si avvale dei patrocini di: Regione Lazio, Unione Internazionale degli Istituti di Archeologia Storia e Storia dell’Arte in Roma, Sapienza Università di Roma, CIU – Confederazione di Unione delle Professioni intellettuali, Confesercenti Roma, Assoturismo Federazione Italiana del Turismo, a dimostrazione dell’importanza artistica e culturale della manifestazione per la città di Roma.

RAW 2018 si avvale della collaborazione di Menexa; dei media partner Exibart, art a part of cult(ure) remove background noise, Romeing, Wanted in Rome, Zero; dei partner Share’ngo, Sala da Feltre, e il supporto amichevole di Pensiero Meridiano.

 

INFO

#romeartweek 22-27 ottobre 2018
[w] romeartweek.com
[e] info@romeartweek.com [t] +39 0621128870

Rome Art Week è una iniziativa di Kou Associazione per la promozione delle arti visive
Via di Montoro, 3 • 00186 Roma
[t] +39 0621128870
[e] info@kou.net • [w] www.kou.net [c.f.] 97815340589

Ufficio Stampa
Roberta Melasecca
[e] roberta.melasecca@gmail.com
[e] press@romeartweek.com
[t] +39 3494945612

 

Premio CESE per la società civile 2018.

 

Il Comitato Economico e Sociale Europeo di Bruxelles, di cui la CIU è membro, come per gli anni passati, ha lanciato la nuova edizione del premio CESE per la Società Civile 2018.

Il premio per la Società Civile 2018 e dedicato al tema “Identità, valori europei e patrimonio culturale in Europa”.

Il Premio CESE è aperto a tutte le Organizzazioni della società civile ufficialmente registrate nell’Unione europea e attive a livello locale, nazionale, regionale o europeo. È anche consentita la partecipazione di privati cittadini.  Ha un valore totale di 50.000 euro e possono esserci fino a 5 vincitori.

Quest’anno si premierà chi maggiormente si è impegnato nella diffusione delle potenzialità del patrimonio culturale europeo, sia in termini di rafforzamento delle identità e società europee sia nella promozione del suo potenziale nella diversità.

L’elenco completo dei requisiti per partecipare e il formulario di candidatura sono disponibili sul sito Internet del CESE (Premio CESE per la società civile 2018 – http://www.eurodesk.it/notizie/premio-cese-la-societa-civile-2018 ).
Il termine ultimo per la presentazione delle candidature è venerdì 7 settembre 2018, mentre la cerimonia di premiazione si svolgerà il 13 dicembre 2018 a Bruxelles.

LA CIU ALLA PRESENTAZIONE DEL SEMESTRE DI PRESIDENZA AUSTRIACA DEL CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA.

Una Delegazione CIU ha presenziato all’apertura del semestre di Presidenza Austriaca del Consiglio dell’Unione Europea che ha avuto luogo al CNEL, organizzato dal Europe Direct Information Centre.

Il semestre di Presidenza austriaco durerà del 1 luglio al 31 dicembre 2018, in una Presidenza a tre (Austria, Bulgaria ed Estonia), penultima legislatura (l’ultima sarà quella rumena) prima delle elezioni europee del mese di aprile 2019.

Ha portato il saluto del CNEL il Presidente, Prof. Tiziano Treu, insieme a quello della Dott.ssa Manuela Sessa, per la Rappresentanza della Commissione UE in Italia.

Sono poi intervenuti l’On. Sergio Battelli, Presidente della Commissione Affari Europei della Camera, il Dott. Felice Camargo, Rappresentante Regionale per il Sud Europa dell’UNHCR, ed il Dott. Elio Catania, Presidente di Confindustria digitale e Vice Presidente del CNEL.

 

 

Vedi il Link per l’informativa sui dati del semestre austriaco e tutte le informazioni complete.

 

INCONTRI ITALIA – EUROPA. ITALIA – PORTOGALLO – EUROPA.

 

Lunedì 9 luglio si è tenuto presso la Sala Parlamentino del CNEL il Forum internazionale Italia – Portogallo – Europa, secondo del ciclo di incontri Italia – Europa organizzati dalla CIU che hanno come tema l’Europa, patrocinati data l’importanza dei temi trattati dal Comitato Economico e Sociale Europeo – CESE di Bruxelles e da altre rilevanti Istituzioni e Organizzazioni pubbliche e private.

Ha aperto i lavori il Dott. Marco Ancora, Responsabile del Dipartimento Cultura della CIU, presentando l’intero ciclo di Incontri con tutti i Paesi membri della UE ed illustrando quella che è la sede storica del CNEL, Villa Lubin, dal punto di vista storico, artistico e culturale.

L’Ing. Tommaso di FAZIO – Presidente della CIU, nel suo intervento ha ricordato che il CESE, Comitato Europeo nel quale siedono i rappresentanti della società civile organizzata (datori di lavoro, lavoratori e interessi diversi) di tutti i paesi dell’Unione, è chiamato a formulare pareri, obbligatori e non vincolanti, su tutto il processo normativo, in campo economico e sociale,  attivato dalla Commissione Europea, dal Consiglio dell’Unione Europea e dal Parlamento Europeo, svolgendo così un fondamentale ruolo istituzionale.

Nella sua relazione il Presidente della Fondazione Oppo, Dott. Paolo Nasso, ha presentato il Portogallo nella sua qualità di giornalista e di italiano residente in quella nazione sotto l’aspetto politico, amministrativo, lavorativo e burocratico, offrendo la partnership della Fondazione Oppo con le istituzioni portoghesi.

Il Dott. Francesco Riva – Presidente del COCI – ha ribadito come nel settore della ricerca scientifica e della innovazione tecnologica del campo scientifico-sanitario si dovrebbe investire congiuntamente a livello europeo in progetti comuni inerenti la riabilitazione ed il reinserimento sociale dei pazienti, con notevole diminuzione dei costi sanitari.

S.E. Francisco Ribeiro Telles – Ambasciatore del Portogallo ha parlato della sua esperienza in Italia e della collaborazione che vige tra i due Paesi, evidenziando le positive relazioni diplomatiche, culturali e commerciali di lunghissima tradizione.

La Vice Presidente di AICEP (Agência para o Investimento e Comércio Externo de Portugal), Dott.ssa Madalena Oliveira e Silva ha fornito i dati sul Portogallo dal punto di vista imprenditoriale, aziendale e lavorativo, parlando di una nazione in controtendenza rispetto a tutti gli altri Paesi europei, in forte ascesa e con una crescita del 2,6% annuo, dove vige il multiculturalismo ed il multilinguismo nel segno di una generale defiscalizzazione e di incentivazione fiscale per le aziende che investono in quella Nazione.

La semplificazione burocratica ha ridotto il tasso di disoccupazione dal 14% al 7% con un aumento del 60% dell’investimento produttivo e le esportazioni che dal 45% del PIL passeranno al 50% dello stesso. Tutto questo, come lei stessa ha sottolineato, nel segno delle parole impegno e performance.

Il Dott. Marcelo Rebanda – Direttore Ufficio Turistico del Portogallo a Milano, ha illustrato nella sua relazione “Il Portogallo come meta turistica” il boom che vive la nazione lusitana dal punto di vista turistico. Il turismo è infatti passato dal 10% al 14% del PIL, grazie anche al processo di centralizzazione che ha posto fine alla frammentazione e sovrapposizione normativa e procedurale su base regionale.

Ha avuto infine luogo un ampio dibattito che ha visto la partecipazione di giornalisti, imprenditori, studi professionali e di autorità istituzionali presenti al Forum, che ha costituito una occasione ed opportunità di confronto preziosa con tutti i relatori.