Comunicati Stampa

CNEL – CONSULTA LAVORO AUTONOMO E PROFESSIONI

CIU, componente della Consulta Lavoro Autonomo e Professioni presso il CNEL, ha partecipato alla riunione del 24 settembre u.s. con un suo rappresentante nella persona dell’Avv. Laura Aramini.

La Consulta si è posta l’obiettivo di predisporre un progetto di legge di iniziativa del Cnel da presentare alle Camere ai sensi dell’art. 71 Cost., in tema di tutele per i lavoratori autonomi.

Le azioni individuate come prioritarie:

  1. Incremento degli strumenti di welfare
  2. Creazione di un ammortizzatore sociale universale
  3. Promozione dell’accesso dei lavoratori autonomi alle forme mutualistiche di assistenza sanitaria integrativa
  4. Detassazione della spesa per la formazione professionale.

Chiara la posizione della CIU sulle tematiche. In un contesto socioeconomico in cui già l’accesso al mondo del lavoro diventa sempre più difficoltoso, occorre garantire anche misure solide e certe di sostegno in caso di perdita del lavoro, o di astensione temporanea dallo stesso, con politiche attive per ridurre il fenomeno.

È necessario che le tutele previste per il lavoratore dipendente in termini di supporto alla maternità e in caso di malattia, siano riconosciute anche al lavoratore autonomo – questo quanto sostenuto dall’Avv. Aramini.

Il lavoratore autonomo vuole contribuire e partecipare alla spesa pubblica per vedere riconosciute le più comuni forme di welfare in tema di tutela dei diritti.

Favorevoli altresì ad incentivare forme di tutela previdenziale integrativa. Infatti, il lavoratore autonomo che oggi non ha certezza nel futuro circa la propria posizione previdenziale, complice anche le fluttuazioni dell’attività lavorativa, ha la necessità di partecipare a forme di previdenza complementare, per vedersi riconosciuto un minimo di fondo pensione, quando sarà collocato a riposo.

La Consulta ha ritenuto fondamentale il ruolo del CNEL, nella prospettiva di promuovere emendamenti al DL 101/2019 emanato ad agosto, oltre che sollecitare nuove proposte di iniziativa legislativa che richiamino i temi trattati.

LA CIU PARTECIPA A FENSPOT, GIORNATA SULL’ALTA FORMAZIONE ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE.

La Ciu ha partecipato mercoledì 18 settembre alla giornata sull’alta formazione tenutasi a Firenze negli spazi della Camera di Commercio, in occasione della seconda edizione di FenSpot.

Il Presidente del Consiglio regionale della Toscana, Eugenio Giani, presentando l’evento a Palazzo del Pegaso, ha dichiarato che “si tratta di un’iniziativa che guarda al futuro e offre un’opportunità di conoscenza e di aggiornamento all’imprenditoria fiorentina e a quanti vogliono interessarsi alle tematiche affrontate nella ricca giornata di incontri”.

Dalla comunicazione allo smart working, passando per lezioni di leadership, digitalizzazione delle imprese e incentivi per ridurre il costo del lavoro, dalle professioni intellettuali alla cultura, dal bon ton alla filosofia attiva, ma anche evoluzione gustativa e cultura del gusto: sono state più di 30 le tematiche trattate in seminari, workshop e tavole rotonde, che hanno visto come relatori rappresentanti delle istituzioni e del mondo dell’alta formazione, manager d’azienda e diplomatici.

La giornata ha visto infatti coinvolti tutti i comparti delle Associazioni di categoria: giovani imprenditori, commercio, arte e cultura, turismo, sanità, tech, moda, edilizia e molto altro. Il responsabile del Dipartimento Cultura Ciu Marco Ancora ha trattato le tematiche dell’evoluzione e dei cambiamenti del mondo del lavoro, delle professioni intellettuali, della cultura e di quelle che saranno le professioni del futuro, nel quadro di un sempre più incalzante cambiamento globale e delle nuove rivoluzioni digitali.

Tra i vari interventi il dott. Francesco Giani si è concentrato sul tema dell’internazionalizzazione d’impresa, lo psicologo e psicoterapeuta Loris Pinzani ha parlato della comunicazione ‘invisibile’, mentre l’accademica nonché ambasciatrice di Genova nel mondo Tiziana Leopizzi ha parlato di arte e design al servizio delle aziende. Il seminario a cura di Marco Carratelli sullartigianato digitale ha esplorato i processi innovativi per il design.

Nel corso del Forum sono stati trattati anche gli argomenti del welfare aziendale e della gestione dei conflitti sul luogo di lavoro

La presidente di FenImprese Firenze, Sheila Papucci, ha dichiarato che FenSpot vuole aprire tante finestre sul mondo del lavoro, ma anche sulle tematiche più attuali. Questa iniziativa si rivolge a imprese, liberi professionisti, ma anche a studenti, persone desiderose di approfondire una passione o un interesse personale. Perché FenSpot non è solo una giornata di formazione gratuita, ma anche un momento di aggregazione e orientamento per i giovani”.

La manifestazione ha visto il Patrocinio della Regione Toscana, del Comune di Firenze, della Camera di Commercio di Firenze, di FenImprese e della Ciu.

MINISTERO DEL LAVORO: CIU PARTECIPA AL TAVOLO SULLA SICUREZZA.

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Nunzia Catalfo ha convocato ieri 23 settembre u.s. un Tavolo di confronto sul tema della salute e della sicurezza sul lavoro.

All’incontro ha preso parte anche il Ministro della Salute, Roberto Speranza, il Presidente dell’Inps, i rappresentanti dell’INAIL, dell’Ispettorato del Lavoro, della Conferenza Stato-Regioni e delle Parti Sociali.

La CIU era rappresentata dal Presidente Gabriella Ancora.

Nella sua introduzione il Ministro Catalfo ha evidenziato, come gli ultimi tragici avvenimenti, già oltre seicento decessi sul luogo di lavoro dall’inizio dell’anno, cui vanno aggiunti quelli non censiti, dimostrano che ci troviamo di fronte ad un’emergenza nazionale “che necessita di un intervento immediato e strutturale da fare mediante la definizione di un percorso condiviso”.

Le proposte da tutti approvate riguardano:

  • Prevedere un piano straordinario per la formazione dei datori di lavoro e dei lavoratori;
  • La decisione di ripristinare in toto il Fondo Inail per gli Infortuni;
  • L’istituzione di un Comitato permanente per la sicurezza sul lavoro anche presso il Ministero della Salute;
  • Un maggiore coordinamento tra i diversi soggetti che gestiscono le banche dati degli operatori del settore;

Tutti i partecipanti al tavolo si sono trovati d’accordo sull’introduzione di una “patente a punti” per premiare le imprese più virtuose ed escludere dagli appalti quelle più coinvolte negli infortuni.

In sintesi un sistema di sanzioni ed un sistema di incentivi.

È emersa la necessità quindi di rivisitare il decreto 81/2008 le cui deleghe, almeno quindici, non sono state ancora attuate: una delle più importanti proprio relativa alla qualificazione delle imprese negli appalti e nei cantieri edili.

Il Ministro Speranza ha individuato dopo tutti gli interventi, quattro Macro Aree su cui intervenire:

  • Prevenzione – Educazione;
  • Modelli di incentivi e disincentivi;
  • Ispezione – Controlli;
  • Messa a sistema dell’Informazione.

Dopo una sintesi delle proposte inviate e delle criticità emerse, il Ministro Catalfo riconvocherà il Tavolo con le Parti Sociali entro dieci giorni.

A seguire l’operatività sui singoli tavoli con i tecnici e gli esperti della sicurezza.

Congresso Nazionale COI-AIOG&C.O.C.I.

La CIU partecipa a Fiuggi al Congresso Nazionale COI – AIOG – COCI.

All’evento, molto interessante per i contenuti e la partecipazione di oltre 200 iscritti è intervenuto il Sindaco di Fiuggi che ha portato il saluto della cittadinanza al Congresso nazionale Coi Aoig organizzato dal Cenacolo Odontostomatologico Centro Italia.

Per la CIU era presente Laura Aramini – Segretario Provinciale Frosinone, che nel suo intervento ha ribadito quanto sia importante la formazione professionale.

Un ringraziamento particolare al Dott.Francesco Riva per il gradito invito….

LA CIU PARTECIPA AL CONVEGNO: “COMBATTERE LA DISOCCUPAZIONE DI LUNGO PERIODO: IL RUOLO DELLA SOCIETA’ CIVILE ORGANIZZATA”

Nella prestigiosa sala di Palazzo Wedekind, in Piazza Colonna, si è svolto il convegno promosso dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei consulenti del lavoro, in collaborazione con l’Osservatorio del mercato del lavoro (OML) e del Comitato economico e sociale Europeo (CESE).

Tra i relatori anche la CIU, rappresentata dall’Avv. Laura Aramini; che ha portato i saluti del Presidente CIU, Gabriella Ancora e del consigliere CESE, Tommaso di Fazio.

Durante la sessione si è ampiamente discusso del fenomeno “disoccupazione”, delle sue cause e delle misure per attenuarlo e contrastarlo.

Presente anche il Presidente dell’INPS, Pasquale Tridico, il quale ha posto l’accento sulla necessità di investire nella scuola, nella formazione continua e nelle competenze.

Per la CIU, Laura Aramini, ha ampiamente analizzato il fenomeno della disoccupazione, differenziandolo anche dal punto di vista di genere. Vero è che la crisi economica ha contribuito ad un incremento del tasso dei disoccupati – ha affermato Aramini – ma la disoccupazione va arginata e analizzata anche in relazione alla collocazione geografica, al fine di adottare politiche di intervento, le più incisive possibili. Le varie forme, oggi presenti, di sussidi per il disoccupato, vuoi la NASPI, la Cassa integrazione, il Reddito di cittadinanza, non devono essere intesi come alternativa al lavoro, ma come volano per reintegrarsi. Durante il periodo di astensione dall’attività lavorativa, occorre puntare sulla formazione professionale, solo attraverso di essa si potrà determinare il reinserimento. La CIU da sempre sostiene e promuove percorsi formativi di accrescimento professionale e culturale, anche attraverso corsi universitari.

L’Avv. Aramini, quale membro al CNEL della Commissione Pari Opportunità, ha voluto poi mettere in luce le problematiche legate al divario di genere in relazione alle possibilità di accesso al mercato del lavoro e di conseguenza al fenomeno “disoccupazione” che in percentuale colpisce più le donne rispetto agli uomini, in particolar modo al sud.

Pertanto, più politiche attive di intervento al fenomeno, con particolare riguardo al mondo femminile, – così ha voluto concludere l’Aramini il suo intervento.

La Presidente dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro – Marina Calderone, concludendo i lavori ha affermato che “Se vogliamo che le politiche attive funzionino nel nostro Paese e la raccomandazione del 2016 del Consiglio dell’Unione Europea sull’inserimento dei disoccupati di lungo periodo nel mercato del lavoro diventi un processo virtuoso dobbiamo promuovere investimenti in riqualificazione del lavoro per chi il lavoro l’ha perso, in linea con le esigenze delle imprese”.

CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE – GIORNATA DI FORMAZIONE.

La CIU partecipa all’organizzazione della giornata di formazione gratuita presentata da FenImprese, con il Patrocinio del Comune di Firenze, della Regione Toscana, della Camera di Commercio, rivolta ad aziende e professionisti che si terrà presso la Camera di Commercio di Firenze mercoledì 18 settembre p.v.

Nella giornata di formazione saranno trattate oltre 30 tematiche, quali artigianato 2.0, cyber security, welfare aziendale, incentivi per le imprese, internazionalizzazione; per la CIU interverrà il Dott. Marco Ancora, Responsabile Nazionale CIU – Cultura, che illustrerà le problematiche inerenti i cambiamenti del mondo del lavoro riguardo le professioni intellettuali con particolare attenzione alle nuove figure professionali nel settore della cultura.

NOMINE.

CIU esprime profonda soddisfazione per la nomina a Commissario Europeo di Paolo Gentiloni, figura di elevata e trasversale rappresentatività italiana, di Roberto Gualtieri figura di lunga e stimata esperienza nel Parlamento Europeo e di Vincenzo Amendola, anch’egli figura di provata esperienza nei rapporti con l’Unione Europea.

CIU, convinta europeista da sempre e presente da venticinque anni nel Comitato Economico e Sociale Europeo a Bruxelles augura buon lavoro al nuovo Governo.

CESE – Bruxelles.

Il CESE il 28 agosto u.s. ha ospitato la Commissione Europea per approfondire la comunicazione che la Commissione stessa ha inviato al Parlamento, al Consiglio Europeo, al CESE e al Comitato per le Regioni, in merito ai Piani Nazionali integrati richiesti a tutti i paesi membri sulla energia e il clima.

Quadro della situazione:

Già dalla fine del 2014, con gli allora appena rinnovati Parlamento e Commissione Europea, si è voluto dare concretezza ad una Unione dell’Energia di tutti i paesi membri al fine di realizzare adeguati livelli di interconnessione delle loro reti di trasporto dell’energia elettrica e dei vettori energetici, in primo luogo gas, in modo da realizzare i necessari livelli di concorrenza capaci di stimolare la ricerca tecnologica e industriale. Ricerca relativa soprattutto alle fonti rinnovabili e ai sistemi di accumulo dell’energia, per giungere ad una sicurezza di approvvigionamento e di esercizio delle reti, assieme ad una riduzione del costo delle forniture per cittadini e industrie, e PMI, con la riduzione il più possibile delle sacche di “povertà energetica”.

L’impulso dato nel dicembre del 2015 dalla Conferenza delle Parti COP 21 di Parigi che portò 189 paesi del mondo, in particolare gli USA di Barack Obama, a firmare l’accordo per combattere il cambiamento climatico nel mondo, ha stimolato l’Unione Europea, attraverso lo strumento dell’Unione dell’Energia, a dotarsi delle misure meglio idonee per giungere ai risultati di contenimento dell’aumento della temperatura media mondiale al massimo di due gradi al 2050.

La COP 21 di Parigi era stata qualche mese prima preceduta dalla significativa lettera enciclica di Papa Francesco sulla “cura della casa comune” intitolata “Laudato sì” con le parole usate da San Francesco d’Assisi nel 1250 per la sua lode della natura. Papa Francesco esortava i regnanti e i politici di tutta la Terra ad avere allarme per i risultati irreversibili sul clima che sono prodotti da uno sconsiderato uso umano delle risorse naturali, sempre più limitate nei confronti di un modello di sviluppo predatorio da considerare ormai superato.

L’Organizzazione per le Nazioni Unite aveva, sempre nel 2015, data ampia diffusione ai 17 Sustainaible Development Goals in cui aveva riassunto i più importanti obiettivi di sostenibilità ambientale, sociale ed economica.

Questo il quadro entro il quale negli ultimi anni trascorsi dal 2015 è andata maturando una nuova diffusa consapevolezza nella società e tra i politici per non fallire il traguardo fissato al 2030 per una riduzione effettiva dei fattori di alterazione del clima, in primo luogo la CO2, maggiore tra i clima-alteranti, ottenendone al 2050 la sua pratica eliminazione. Traguardi ambiziosi e difficili che i decisori politici e la società tutta possono ottenere attraverso uno sforzo comune, nessuno escluso; nessuna nazione della terra esclusa. L’Unione Europea ha quindi inteso giocare un ruolo di riferimento mondiale per ambizione e risultati, ad iniziare dalla costruzione di un modello di “governance” attraverso il quale portare tutti gli stati membri ad avere parte unisona per concretizzare gli obiettivi nei tempi stabiliti.

La richiesta della Commissione Europea a tutti i Paesi membri di elaborare un Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima, a fine 2018, ha portato alla presentazione di tutti i piani che, ora al vaglio della Commissione, saranno resi definitivi al 31 dicembre del presente anno 2019.

Il procedimento di messa a punto dei piani, basati su dati statistici di comprovata esattezza rilevati da Eurostat, fissa comuni obiettivi nelle cinque dimensioni principali dell’energia: la decarbonizzazione, l’efficienza energetica, la sicurezza energetica, il mercato interno dell’energia, e la Ricerca, l’Innovazione e la Competitività.

Il CESE ha nominato a fine luglio il Consigliere CIU ing. Tommaso di Fazio come relatore del parere CESE sui Piani Nazionali per l’Energia e il Clima che coordinerà le osservazioni e i contributi provenienti dai 12 altri Consiglieri nominati nel gruppo di lavoro costituito ad hoc.

Il lavoro è iniziato subito e la bozza di parere è stata inviata a Bruxelles già l’11 agosto; la prima riunione del Gruppo di Lavoro si è svolta il 30 agosto alla presenza del rappresentante della Commissione Europea e del rappresentante del Comitato delle Regioni. Il dibattito, che ha sottolineato la completezza della bozza di parere elaborato, ha comunque evidenziato che l’importanza dell’argomento e la sua trasversalità necessitano, per il successo nel raggiungimento degli obiettivi, del più vasto consenso politico e sociale, ma anche di una vasta informativa che deve permeare tutta la società con adeguata diffusione sui media, sia tradizionali sia quelli web di cui ampiamente si servono le nuove generazioni.

Per questa finalità il relatore ing. di Fazio ha proposto, sintetizzando quanto maturato nella riunione, di organizzare al più presto una conferenza al CESE con la stampa, per sensibilizzare i giornalisti a dare adeguata diffusione e a tenere costante nel tempo l’attenzione sull’argomento. La Commissione ha concordato con il suggerimento e inviterà i paesi membri, attraverso i ministeri interessati, ad effettuare analoghe conferenze stampa. Così anche ha concordato il rappresentante del Comitato per le Regioni che inviterà gli Enti Locali ad una efficace e capillare campagna di informazione.

Il parere sarà portato alla Assemblea Plenaria CESE di ottobre per la sua approvazione ufficiale.

Per una completa informativa sugli obiettivi fissati nei piani e sulle misure richieste ai paesi membri per perseguirli, si rimanda alla Comunicazione della Commissione COM (2019) 285, che può essere consultata sul sito web della Commissione.

CESE – Bruxelles.

CIU ha partecipato al gruppo di lavoro che ha elaborato l’importante parere di iniziativa sulla digitalizzazione nel settore ferroviario, presentato dalla Commissione Consultiva per le Mutazioni Industriali (CCMI).

Accanto alla creazione di nuove opportunità per il migliore esercizio della rete e per la sua sicurezza, e alla creazione di nuovi ed efficienti servizi per i clienti permessi dalle tecnologie digitali applicate al settore ferroviario, tipicamente ma non solo il web ticketing, si adombrano i rischi delle conseguenze sociali dovute alla ineluttabile perdita di numerose posizioni di lavoro, soppiantate dalle applicazioni digitali. Vanno anche previsti negativi effetti per l’impossibilità di poter usufruire dei servizi offerti telematicamente da parte di un consistente numero di analfabeti digitali quali, tipicamente, le persone anziane che vanno invece aiutate con offerte, anche web, a loro orientate.

Nel disaminare tali problematiche la CIU, rappresentata dal Consigliere ing. Tommaso di Fazio, ha tenuto ad evidenziare l’attenzione di salvaguardare, assieme ai numerosi altri lavoratori coinvolti, anche le categorie maggiormente professionalizzate, tipicamente i quadri aziendali e le professioni intellettuali espresse sia in forma dipendente sia autonoma, attraverso riconversioni da attuare con adeguata istruzione e formazione alle nuove tecnologie. CIU stimola a utilizzare le categorie maggiormente professionalizzate anche dopo la quiescenza, perché l’elevata preparazione e conoscenza del sistema acquisito nella lunga carriera può, con alta utilità, essere messa a frutto sia nella preparazione e formazione del personale sia nel supporto consulenziale alla dirigenza.

In merito alla sicurezza informatica, tema per il quale il parere elaborato accentua significativamente il primario ruolo che deve essere affidato all’ENISA (European Union Agency for Network and Information Security), l’ing. di Fazio ha tenuto a sottolineare come sistemi di hackeraggio possano essere usati strumentalmente anche ai fini militari, ad uso di potenze nemiche, per mettere in crisi vaste aree del sistema di trasporto ferroviario, indebolendo significativamente la difesa della nazione o pluralità di nazioni sotto attacco. Ha ricordato, in merito, l’episodio avvenuto il 23 giugno 2019 nei mari antistanti la Persia: sono stati hackerati dagli USA, e quindi messi fuori uso, i sistemi di puntamento delle armi delle corazzate persiane.

Il parere nella sua forma definitiva verrà discusso nella Assemblea Plenaria CESE di ottobre.

Da ricordare che la Commissione Consultiva per le Mutazioni Industriali (CCMI), organo del CESE, ha visto confluire in essa, nel 2003, quanto rimasto della storica CECA, primo organismo tra paesi europei con cui si istituì, nel 1951, il mercato comune senza frontiere per il carbone e l’acciaio, precursore del Trattato di Roma nel 1957 (Trattato fondativo della Comunità Economica Europea).