News

Notizie CESE: Appalti comuni nella Difesa. Mensi legge la proposta Ue – Prof. Maurizio Mensi Consigliere CESE per CIU Unionquadri.

Di Marco Battaglia –

Appalti comuni nella Difesa. Mensi legge la proposta Ue

Con il nuovo regolamento proposto dalla Commissione europea per incentivare gli Stati membri a rafforzarsi attraverso appalti comuni nel settore della Difesa, l’Ue intende stimolare lo sviluppo di un modello europeo di industria del settore, soprattutto ora che i Paesi europei hanno la necessità di rinnovare le scorte in conseguenza degli aiuti inviati all’Ucraina. Il punto di Maurizio Mensi, professore di Diritto dell’economia alla Scuola nazionale dell’amministrazione e membro del Comitato economico e sociale europeo

Rafforzare l’industria europea della Difesa incentivando appalti comuni fra Stati membri. È questo il principale obiettivo dell’European defence industry reinforcement through common procurement Act (Edirpa), il regolamento proposto dalla Commissione il 19 luglio, la cui adozione è prevista a fine anno e che il 21 settembre ha ottenuto il parere favorevole del Comitato economico e sociale. Il regolamento non introduce nuovi criteri di aggiudicazione né nuove regole per le procedure di gara, che continuano ad essere gestite a livello nazionale ai sensi della normativa vigente (in primis la direttiva 2009/81), ma cerca di stimolare innovazione e cooperazione tramite progetti comuni e più intense sinergie civili-militari. Alle prese con la necessità di rinnovare le scorte in conseguenza della guerra in Ucraina, gli Stati membri avranno pertanto a disposizione un nuovo strumento, con una dotazione di cinquecento milioni di euro.

Uno strumento per ricostruire gli arsenali

In linea con gli obiettivi del fondo europeo per la difesa (Edf) per garantire alle Forze armate la sicurezza degli approvvigionamenti, quello istituito dal regolamento è uno strumento “a breve termine” (riguarda il periodo 2022-2024) che si aggiunge alla task force per le acquisizioni congiunte volte a facilitare il coordinamento dell’assistenza militare all’Ucraina e precede la proposta di un Programma europeo per gli investimenti nel settore della difesa (Edip). Quest’ultimo in particolare aiuterà gli Stati membri a costituire consorzi (Edcc) per acquisire congiuntamente capacità di difesa da sviluppare in modo collaborativo beneficiando di un’esenzione Iva.

Le acquisizioni congiunte

Dopo la dichiarazione di Versailles dell’11 marzo 2022, con cui i capi di Stato e di governo dell’Ue si erano impegnati a rafforzare la difesa europea, la comunicazione congiunta della Commissione europea e dell’Alto rappresentante del 18 maggio aveva indicato la strada da seguire. Alla base, la convinzione che acquisti congiunti garantiscano un miglior rapporto qualità-prezzo e interoperabilità fra sistemi d’arma e materiali. Un più stretto raccordo operativo fra Stati membri, costretti dall’attuale congiuntura a ridefinire strategie e piani operativi, consente poi all’industria della difesa di far fronte al rapido incremento della domanda aumentando altresì l’interazione fra Forze armate:

Migliorare la base industriale europea

In prospettiva vi è l’esigenza di migliorare la base tecnologica e industriale della difesa Ue (Edtib) tramite efficienza ed economie di scala, in linea con le indicazioni della comunicazione della Commissione sulla “Tabella di marcia sulle tecnologie critiche per la sicurezza e la difesa” del 15 febbraio 2022. A tal fine servono catene di fornitura sicure e un più agevole accesso a tecnologie critiche come i semiconduttori. Come rilevato, il Comitato economico e sociale europeo, con il parere Ccmi/200 (di cui sono stato relatore) approvato in plenaria lo scorso 21 settembre, ha condiviso l’iniziativa della Commissione, particolarmente opportuna ora che la guerra è tornata in Europa e utile in caso di possibili future tensioni. Cerca di evitare fra l’altro che i crescenti investimenti a livello nazionale accentuino la frammentazione nel settore della difesa e intensifichino le dipendenze esterne. Tuttavia, poiché il rafforzamento delle capacità militari europee deve considerarsi uno sforzo a lungo termine, si ritiene che questo strumento debba essere adeguatamente potenziato. La sua attuale dotazione finanziaria risulta infatti insufficiente a orientare le decisioni degli Stati membri in materia di appalti.

Evitare protezionismi

Condivisibile poi l’indicazione che le forniture siano prodotte nell’Unione europea o nei Paesi associati e previste condizioni specifiche per le imprese sottoposte al controllo di paesi terzi. Tali condizioni, oltre ad essere nell’interesse dei contribuenti europei, sono necessarie per rafforzare le capacità industriali UE, in linea con l’obiettivo dell’autonomia strategica aperta. Tuttavia, dovranno essere applicate con cautela. Occorre infatti bilanciare la discrezionalità nella scelta del fornitore a livello nazionale con l’urgenza di acquisire le forniture oggetto di gara garantendo la loro interoperabilità con i materiali esistenti. Queste potranno essere pertanto fornite anche da società controllate da soggetti provenienti da Paesi alleati e/o Nato che forniscano adeguate garanzie di sicurezza.

Un modello europeo per l’industria della difesa

Più in generale, i settori di difesa, sicurezza e spazio costituiscono ormai elementi qualificanti e trainanti del sistema industriale europeo, da tempo oggetto di un’intensa azione regolamentare. Questo a partire dalla politica di sicurezza e di difesa comune (Pesdc) nel 1999, poi con la istituzione della cooperazione strutturata permanente (Pesco) nel 2017, l’avvio del Fondo europeo per la difesa (Fes) nel 2019 e la creazione della direzione generale dell’industria, dello spazio e della difesa (Dg Defis) della Commissione europea nel 2021. Al centro dell’attenzione di Bruxelles le comunicazioni satellitari, i droni, i prodotti a doppio uso, i semiconduttori, fino alle politiche di ricerca e innovazione. Già la strategia globale del 2016 aveva preconizzato un’industria della difesa europea sostenibile, innovativa e competitiva per ridurre le dipendenze strategiche, secondo gli obiettivi della Bussola strategica del marzo 2022. Il piano d’azione della Commissione del febbraio 2021 sulle interazioni tra l’industria civile, della difesa e dello spazio, ha peraltro ribadito la necessità di promuovere il reciproco arricchimento tra tecnologie civili e della difesa. Inoltre l’aggiornamento, nel maggio 2021, della nuova strategia industriale del 2020, “Costruire un mercato unico più forte per la ripresa dell’Europa”, ha confermato che è la leadership tecnologica il principale motore di competitività e innovazione, soprattutto per le tecnologie critiche.

Innovazione civile e difesa sono infatti settori strettamente connessi e sempre più le applicazioni civili attingono dalla medesima base tecnologica, creando sinergie tra diversi settori di ricerca, vieppiù importanti in un contesto di confronto strategico e crescenti tensioni con Russia e Cina ed in tal senso essenziali per garantire sicurezza e libertà. È anche questo il “modello europeo” a cui fa riferimento la Dichiarazione sui diritti ed i principi digitali proposta il 26 gennaio 2022.

VILLA MEDICI: Bando di concorso per il riallestimento delle camere degli ospiti.

Cancella iscrizione  |  Invia a un amico
Ricevi questa email perché ti sei registrato sul nostro sito o hai dato precedentemente un consenso alla ricezione delle nostre comunicazioni. Il tuo indirizzo di posta elettronica è utilizzato direttamente, e senza cessione a terzi, esclusivamente a questo scopo. La nostra attività si basa principalmente sulla divulgazione di notizie culturali che confidiamo rientrino nei tuoi personali interessi. Qualora volessi cancellarti, puoi scriverci una mail a info@elisabettacastiglioni.it o utilizzare il tasto di cancellazione qui sopra. Grazie!
Elisabetta Castiglioni, Press Office & Public Relations,
www.elisabettacastiglioni.it

Assemblea Nazionale di Fenimprese: Mancuso: «Saremo sempre accanto alle imprese e ai territori”.

crotoneok – https://www.crotoneok.it/assemblea-nazionale-di-fenimprese-mancuso-saremo-sempre-accanto-alle-imprese-e-ai-territori/ 

Il 23 settembre si è svolta a Roma l’assemblea nazionale di FenImprese che, condotta da Claudio Brachino e introdotta dall’inno d’Italia cantato da Annalisa Minetti accompagnata sul palco dal Presidente Mancuso e dal Direttore Esposito, si è strutturata in cinque talks.
Primo talk “Europa ed Italia quale futuro per le PMI”.
Sul palco il Presidente Luca Vincenzo Mancuso e l’Onorevole Fabio Massimo Castaldo – Movimento 5 Stelle (Vice Pres. Parlamento Europeo). Tanti i temi, on una reciproca promessa di collaborazione.
Secondo talk “Energia” presenti, Bruno Vettore noto manager e imprenditore nel settore immobiliare, l’Onorevole Francesca De Vito Consigliere Regionale- Fratelli d’Italia, Onorevole Marta Leonori – PD e Francesco Riva membro per la conferderazione del CNEL.
Durante l’assise Il Direttore Andrea Esposito, in qualità di Presidente dell’ente bilaterale Entebild che grazie alla sua Presidenza sta crescendo tanto, ha presentato il centro Studi FenImprese, struttura con attività scientifica autonoma e sistematica di indagine, analisi e ricerche su argomenti di carattere tecnico, economico e sociale il cui Presidente, Professor Antonello De Oto, ha annunciato il rinnovo di molti contratti nazionali del lavoro dell’associazione FenImprese quale parte datoriale.
Nel terzo talk “ECONOMIA E FUTURO” presenti il Presidente Mancuso, Marcel Vulpis Vice Presidente Lega Pro, che ha presentato la convezione tra la lega e FenImprese, e Alfonso Lovito Direttore generale università E-campus.
Il quarto talk “Ambiente” ha visto la presenza del Direttore Nazionale Andrea Esposito che ha dato spunti molto condivisi dalla platea, l’Onorevole Antonello Aurigemma di Fratelli d’Italia che ha elogiato il lavoro di FenImprese, Fabrizio Barulli partnership & business development Pmi Telepass e Patrizia Baratto referente Fondo Conoscenza.
L’ultimo talk “Pace” ha coinvolto particolarmente la platea grazie anche a Luigi Maccaro (Fondazione Exodus) che ha portato i saluti di Don Antonio Mazzi e gli interventi del regista e coreografo Luciano Cannito e dell’esponente CIU e responsabile della sezione cultura FenImprese dott. Marco Ancora Il finale dell’assemblea ha segnato momenti importantissimi, tra i quali la nascita all’interno di FenImprese di Aisa (Associazione Imprese Spettacolo e Audiovisivi) presieduta dal Maestro Luciano Cannito che avrà il compito di tutelare un mondo spesso poco rappresentato e trascurato ma che riveste grande importanza in termini economici e sociali.
Significative, inoltre, le premiazioni, consegnate dal Presidente, dal Direttore e dal Coordinatore Nazionale Simone Razionale, alla carriera di Vulpis, Vettore e Lovito, di tanti Dirigenti Nazionali e dei business partner. I saluti sono stati ultimati con una cena di gala presentata da Laura Magnani.
L’assemblea ha fornito molti spunti interessanti lanciati alla politica presente con l’auspicio di essere proposti al nuovo governo; il nostro Paese, infatti, possiede un patrimonio di democrazia ancora da valorizzare con numerosi i cambiamenti da compiere sul piano socio-culturale, del costume, e soprattutto dei ruolo politici e istituzionali, perché la potenzialità democratica e di qualità si traducano in forme vigorose e solide di crescita economica e in una mutazione di come politica e governi guardino ai fattori reali di crescita con scelte coraggiose che guardino al futuro e non al voto immediato. Gli italiani che dovranno anche loro modificarsi dovranno sempre tener fermo il timone perché siano solo partiti davvero democratici, nella loro vita interna e nelle loro scelte internazionali, a governare il Paese. Ma il compito delle imprese di qualsiasi dimensione e di chi le rappresenta è di non piegarsi mai alle ragioni di questa o quella coalizione, questo o quel partito. Ci dobbiamo battere come non mai per la crescita, per quanto accidentata, lunga e ardimentosa sia l’acquisizione di questa cultura economica da parte dei partiti e delle istituzioni italiane”.
Noi siamo le imprese italiane, noi siamo l’unico futuro, subito riforme per il faro energia, riforma del fisco, burocrazia, rimodulazione del reddito di cittadinanza.

Poca spesa (o spesa nulla), tanta resa. A cura di Fulvia Magenga, Segretario Generale SIASO/CIU UNIONQUADRI.

Con i due DPCM (09/02/2018 – 09/03/2022) che hanno normato il profilo professionale dell’Assistente di Studio Odontoiatrico ed il percorso di studi obbligatorio, sono arrivati anche i percorsi professionali erogati dalle scuole di formazione, accreditate o autorizzate dalle regioni di appartenenza.

Il percorso di formazione prevede 700 ore di corso: 300 ore di teoria e 400 ore tra tirocinio e laboratorio.

Il tirocinio previsto per la formazione ASO è di tipo “curricolare” e deve essere espletato dal discente obbligatoriamente.

Per potere accedere ai locali dello studio o ambulatorio odontoiatrico, il discente deve essere coperto da assicurazione INAIL contro i rischi previsti dal Documento di Valutazione dei Rischi redatto dall’azienda ospitante.

La scuola di formazione prepara un contratto che sottopone a chi si prenderà cura della formazione pratica del discente (soggetto ospitante). Su quel contratto deve essere evidenziato il fatto che il tirocinante NON PUO’ E NON DEVE ESSERE UTILIZZATO COME LAVORATORE, in base all’accordo Stato Regioni Repertorio n. 86/CSR del 25 maggio 2017, “Linee guida in materia di tirocini”.

Di fatto, il succitato accordo non lascia spazio all’interpretazione. Alle premesse, al punto B è infatti chiarito che:

“I tirocinanti non possono sostituire i lavoratori con contratto a termine nei periodi di picco delle attività e non possono essere utilizzati per sostituire il personale del soggetto ospitante nei periodi di malattia o ferie né per ricoprire ruoli necessari all’organizzazione dello stesso”.

Le linee guida specificano ancora che “[…] fatti salvi i licenziamenti per giusta causa e per giustificato motivo soggettivo e fatti salvi specifici accordi sindacali, non è possibile ospitare tirocinanti se il soggetto ospitante prevede nel PFI (Piano Formativo Individuale) attività equivalenti a quelle per cui lo stesso ha effettuato, nella medesima unità operativa e nei 12 mesi precedenti, licenziamento per giustificato motivo oggettivo, licenziamenti collettivi, nonché:

– Licenziamento per superamento del periodo di comporto,

– Licenziamento per mancato superamento del periodo di prova,

– Licenziamento per fine appalto,

– Risoluzione del periodo di apprendistato per volontà del datore di lavoro, al termine del periodo formativo […]”

Quindi tutto regolamentato. Non vi è possibilità di errore nell’ interpretazione.

E allora perché nella realtà i tirocini curricolari che riguardano gli ASO non risultano chiari a molti dei soggetti ospitanti?

Perché nella realtà alcune scuole dimenticano di fare riferimento all’accordo stato regioni di cui sopra o di chiarire che il tirocinante non può essere utilizzato come lavoratore a costo 0? O ancora, perché alcuni odontoiatri richiedono al sindacato tirocinanti perché “non è il momento giusto per assumere?”

Ci vorrebbe solo chiarezza. Chiarezza nel proporre i contratti di tirocinio ai soggetti ospitanti, chiarezza nell’esplicitare gli obblighi dei soggetti ospitanti nei confronti degli  studenti che devono imparare, guardando, seguendo il proprio tutor e ripercorrendo insieme a lui le procedure e ordini di servizio.

Concludendo: smettete di utilizzare personale non adeguatamente formato, non pagato e non sufficientemente adeguato per svolgere mansioni di ASO al posto di ASO perché è illegale ed è punito con severe sanzioni. “[…] se il tirocinio è svolto in modo fraudolento, il soggetto ospitante è punito con l’ammenda di 50 euro per ogni tirocinante coinvolto, per ogni giorno di tirocinio, ferma restando la possibilità per il tirocinante di richiedere il riconoscimento di un rapporto di lavoro subordinato con decorrenza dalla pronuncia giudiziale […]”.

I tirocini servono per fare in modo che gli studenti  imparino il lavoro, non per generare nuove forme di schiavismo.

Notizie CESE: Sessione plenaria 21 – 22 settembre 2022 – Prof. Maurizio Mensi – CIU Unionquadri.

#EESCPlenary adopted opinion on #space package to which CCMI contributed its supplementary opinion.

: “Strategic resource and public good, secure and reliable spatial connectivity is essential for the technological autonomy of industry.” europa.eu/!9XtWQB

#EESCPlenary ha adottato il parere sul pacchetto #space al quale CCMI ha contribuito con il suo parere complementare.

: “Risorsa strategica e bene pubblico, una connettività spaziale sicura e affidabile è essenziale per l’autonomia tecnologica dell’industria“. europa.eu/!9XtWQB

Notizie CESE: Sessione plenaria 21 – 22 settembre 2022 – Prof. Maurizio Mensi – CIU Unionquadri.

 Rapporteur-General

: Joint #defence procurement will stop national investments from deepening fragmentation, limiting cooperation, increasing external dependencies and hampering interoperability. Read #EESCplenary opinion: europa.eu/!gq7BH3

 Relatore generale

: gli appalti congiunti #defence impediranno agli investimenti nazionali di approfondire la frammentazione, limitare la cooperazione, aumentare le dipendenze esterne e ostacolare l’interoperabilità.

Confal: “Allineare le retribuzioni del personale della scuola a quelle europee.

Formazione Italiana Nel Mondo – Pres. Treu (Cnel): “Criticita’ Sistema Formativo Italiano Base Mismatch Domanda Offerta Di Lavoro. Risorse Pnrr Occasione Imperdibile.”

“Forti divari territoriali, alto tasso di dispersione e abbandono scolastico, deficit nelle competenze di base con punte più alte nelle regioni del Sud, influenza dell’origine socio-economico e culturale”.
Sono alcune delle criticità del sistema di istruzione e formazione italiano, peraltro all’origine del mismatch tra domanda offerta di lavoro, che impattano in maniera significativa sull’economia, emerse dall’audizione al cnel dei presidenti di Invalsi e Indire, Roberto Ricci e Cristina Grieco.
“Affrontare e risolvere queste gravi mancanze, che vedono l’Italia penalizzata rispetto ad altri Paesi europei, significa agire lungo tutto il percorso di istruzione dalla scuola primaria all’università. Per superare le criticità del sistema formativo, la scuola necessita della partecipazione dell’intera società, in un approccio coerente e solidale – ha affermato il presidente cnel tiziano treu – Non è una questione solo di infrastrutture materiali.
n questa ottica, le risorse del PNRR potrebbero rappresentare un’occasione imperdibile anche per consolidare i Patti educativi di Comunità. Con questo spirito, il cnel ha chiamato a raccolta le parti sociali per una riflessione che vede la scuola come presupposto per la costruzione dei lavoratori e, prima ancora, dei cittadini del futuro. La nostra proposta è la costruzione di adeguati percorsi e strumenti di orientamento già a partire dal primo ciclo di istruzione”.
Come emerso dall’ultimo rapporto Invalsi anche in audizione al cnel il presidente ha confermato i dati sui divari territoriali che mostrano forti evidenze di povertà educativa soprattutto nelle regioni del Mezzogiorno dove le scuole hanno una minore capacità di attenuare l’effetto delle differenze sociali, economiche e culturali fra gli studenti con effetti drammatici sull’acquisizione di competenze e quindi nell’accesso al mondo del lavoro. Nel giugno scorso sono arrivati alle scuole i primi fondi del PNRR: 3.198 istituti scolastici hanno beneficiato di un contributo complessivo pari a 500 milioni di euro.
“Le risorse della Missione 4 del PNRR, ‘Intervento straordinario finalizzato alla riduzione dei divari territoriali nei cicli I e II della scuola secondaria di secondo grado’, che stanzia 1,5 miliardi di euro per il monitoraggio dei divari territoriali e la riduzione dei gap sull’acquisizione di competenze di base, non devono essere sprecate – ha aggiunto treu – Serve con urgenza una strategia che veda fianco a fianco le istituzioni scolastiche centrali e territoriali e le parti sociali. Il punto, tuttavia, è quello di evitare una dispersione di preziose risorse. L’arrivo dei finanziamenti alle scuole è stato corredato da un documento contenente alcuni orientamenti di carattere generale che, a detta degli esperti, non sono in grado di aiutare gli istituti nella definizione di progetti operativi e di indirizzare gli stessi verso una corretta ed efficiente gestione delle risorse. Molti istituti, infatti, registrano carenze nelle competenze progettuali. In questo caso lo strumento della co-progettazione col terzo settore potrebbe arginare il rischio di una errata allocazione di risorse grazie a un confronto costante con gli attori del privato sociale e con gli enti locali”.(17/09/2022-ITL/ITNET)