Confal Federazione Scuola ha aderito alla CIU.

L’anno 2020 il giorno 23 del mese di settembre, in Roma via Antonio Gramsci,34  la CIU Confederazione Italiana delle Professioni Intellettuali, membro del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro (CNEL), membro a Bruxelles del Comitato Economico e Sociale Europeo (CESE), Organo consultivo obbligatorio dell’Unione europea, rappresentata dal presidente nazionale  Dott.ssa Gabriella Ancora;  La Confal Federazione Scuola Nazionale, rappresentata dal Segretario Generale Prof. Raffaele Di Lecce, hanno sottoscritto la convenzione politico sindacale attraverso la quale la Confal Federazione Scuola ha aderito alla CIU –Confederazione Italiana di Unioni delle Professioni Intellettuali. La condivisione dell’accordo politico sindacale, l’adesione alla CIU, commenta il Prof. Raffaele Di Lecce, nasce con l’obiettivo di divenire una forza sindacale determinante nel dialogo sociale ed in grado di distinguersi nel panorama sindacale per la capacità di interloquire con altri soggetti in campo, ed allo scopo di realizzare sui temi dell’istruzione e della formazione una comune elaborazione. Inoltre la collaborazione maturata in questi anni, attraverso la sottoscrizione di CCNL 2019/2022  relativi ai Corsi d’Istruzione, Formazione, Cultura Varia del personale afferente le scuole paritarie di ogni ordine e grado, dal personale delle istituzioni di alta cultura Universitaria ed Accademie Legalmente Riconosciute (CONFAL FEDERAZIONE SCUOLA -CIU-FIDEF-FIINSEI-CONFIMPRESEITALIA- FDP), ha contribuito a rafforzare i  rapporti e a rendere concreta l’adesione.

Per il raggiungimento di obiettivi comuni,  commenta la  Dott. Gabriella Ancora  occorrerà  promuovere gli istituti della formazione professionale, valorizzare le risorse umane ,la crescita delle capacità professionali dei lavoratori, promuovere l’istituto della conciliazione e dell’arbitrato e il  raggiungimento di una maggiore rappresentatività nel sistema pubblico d’Istruzione finalizzato alla presentazione di liste per le prossime elezioni delle RSU e anche ai fini di una maggiore diffusione territoriale.

Dal Corriere della Sera: Prof. Maurizio Mensi parteciperà alla I° Festa Nazionale dell’AEPI.

cof

Dal Corriere della Sera:

Prof. Maurizio Mensi – rappresentante CIU al Comitato Economico e Sociale Europeo – CESE di Bruxelles parteciperà alla I° Festa Nazionale dell’AEPI – Confederazione nostra aderente.

Scarica il programma qui.

Cordoglio CIU – Unionquadri per la scomparsa di Luigi Arisio.

Martedì 29 settembre, si è spento a 94 anni Luigi Arisio, artefice della marcia dei Quarantamila che vide la partecipazione attiva anche dell’allora giovane Unione Italiana Quadri (ora CIU-Unionquadri).

Il 14 ottobre 1980 la Città di Torino vide il pacifico, ma imponente, attraversamento della città degli impiegati e dei quadri Fiat, provenienti da tutto il Piemonte, che protestavano contro i picchetti che, da 35 giorni, bloccavano gli accessi in fabbrica con atti di non corretta dialettica sindacato/azienda.

L’evento determinò un vero “giro di boa” nei rapporti tra sindacato e grandi aziende, e si attivó un tale fermento culturale, di opinione e politico (tanto che la Unionquadri da allora è costantemente presente al CNEL), che determinò la nascita ufficiale della categoria dei Quadri (già realtà in Francia e Germania) con l’approvazione della legge 190/1985 con un articolato fortemente voluto dall’Unionquadri.

La CIU-Unionquadri non dimentica l’impegno civile e il valore della difesa dei diritti che seppe esprimere Luigi Arisio.

La Marcia dei quarantamila, da lui fortemente voluta e dall’Unionquadri fortemente appoggiata, fece assumere alla categoria dei Quadri un protagonimo che ha cambiato la storia delle relazioni sindacali in Italia. Da quel momento le Organizzazioni sindacali tradizionali, generaliste, dovettero tener conto dell’esistenza della forza rappresentativa dei Quadri, che ne sapeva ascoltare la voce, per poi contrattare con le aziende ponendo temi dedicati al fondamentale sviluppo delle capacità professionali, spingendo sulla formazione continua di alto livello.

In quella difficile stagione Luigi Arisio seppe coagulare attorno a sé il consenso e l’azione della parte qualificata del mondo del lavoro Fiat, di coloro cioè, che non vedevano tutelate nel modo giusto le proprie responsabilità operative e di coordinamento.

Figlio di un operaio e di una casalinga, Arisio frequentò la scuola allievi Lancia e poi ebbe il ruolo di capo reparto sellerie in Fiat.

Nel 1974 fu tra i fondatori del coordinamento dei capi e quadri Fiat (Aqcf).

Nel 1975 a Torino muoveva i primi passi anche l’Unione Italiana Quadri, fondata da Corrado Rossitto.

Si ebbe sintonia d’intenti, e le due organizzazioni collaborarono strettamente, con una cooperazione che continuò e si estese, tanto che, nel seguito della manifestazione già ricordata, Luigi Arisio ci ringraziò pubblicamente.

L’intera CIU-Unionquadri (Confederazione Italiana di Unione delle Professioni Intellettuali) porge sentite condoglianze al figlio Roberto e a tutta la famiglia.

Pervenutoci da Cesare Damiano – Next Generation EU: verso una nuova èra (anche) per lavoro e occupazione.

Un’occasione come quella offerta dal programma Next Generation EU non si ripresenterà. È da questa consapevolezza che occorre partire per affrontare una nuova fase storica, nella quale centrale sarà la questione del lavoro e dell’occupazione connessa, com’è, alla domanda di beni e servizi. La stesura dei piani per assicurarsi i fondi del Next Generation EU deve seguire diversi drivers: dall’ammodernamento della Pubblica Amministrazione, alla capitalizzazione di imprese, spesso, troppo piccole, alla riprofessionalizzazione della forza lavoro, al sostegno dell’economia sostenibile e della digitalizzazione. Citando le parole di Keynes, se ci doteremo di una saggezza nuova, potremo aprire la strada di una nuova èra.

Negli anni 30 del XX Secolo, mentre si dedicava alla stesura della sua General TheoryJohn Maynard Keynes – come ricorda Giorgio La Malfa nella premessa alla edizione pubblicata nel 2019 – era impegnato nella ricerca di “una saggezza nuova per una nuova èra”. Ricorda La Malfa che “come negli anni in cui Keynes scriveva, l’ansia permea profondamente la nostra società con effetti sconvolgenti sugli equilibri sociali e politici”.

Quegli equilibri sono sottoposti in tutto il mondo a pressioni violente dalle conseguenze della pandemia scatenata dal Covid-19. Così, come per tutti, tale pressione investe anche il nostro Paese, che soffre, però, più di altri. Proprio nei giorni in cui l’epidemia dilagava in Italia, abbiamo pubblicato il Report “Cassa Integrazione Guadagni 2019” del Centro Studi della nostra Associazione Lavoro&Welfare. Quei dati contenevano un warning chiaramente definito. Dopo una diminuzione ininterrotta dal 2012 al 2018 con un calo dell’80,61% (da 1 miliardo di ore a 200 milioni), il 2019 aveva segnato una inversione di tendenza con una crescita nell’utilizzo della Cassa Integrazione del 20,20%. In pratica, rispetto al 2008, momento in cui esplode la crisi che segna il decennio successivo, in Italia, nel 2019, mancano all’appello quasi 2 miliardi di ore lavorate, che corrispondono a circa 1 milione e 200 mila lavoratori a tempo pieno. Il virus si abbatte dunque su una situazione, già di per sé, strutturalmente fragile.

Pochi giorni fa, il ministro dell’Economia, Gualtieri, pur prevedendo un rimbalzo del Pil nel terzo trimestre di quest’anno, ha affermato: “siamo prudenti perché già scontiamo un quarto trimestre di rallentamento rispetto a questo terzo trimestre” che lo stesso ministro qualifica come “impetuoso”. Perciò, diventa decisivo il piglio con il quale affronteremo la definizione dei piani italiani per il Recovery Fund europeo.
Ecco perché tornano alla mente, in questo passaggio che non è affatto eccessivo definire storico quanto decisivo, quelle parole di Keynes: abbiamo, davvero, bisogno di una saggezza nuova per una nuova èra. E per questo dobbiamo definire, in questa fase progettuale, una visione chiara e articolata. Keynes svolge i suoi ragionamenti negli anni della Grande Depressione caratterizzati da una elevata disoccupazione a fronte di un secco arretramento nell’utilizzo della capacità produttiva. L’affermazione di Keynes è che lo Stato debba intervenire con investimenti necessari perché gli attori del mercato possano tornare a garantire la piena occupazione. E, nella situazione attuale del nostro Paese, l’occupazione è un problema chiaramente centrale.
Fermiamoci un momento, perciò, sui dati relativi agli occupati nei primi sei mesi di questo 2020 elaborati dall’INPS. I datori di lavoro privati, nel periodo in esame, hanno attivato poco più di due milioni di assunzioni. Con una contrazione, rispetto allo stesso periodo del 2019, del 42%. Motivi scatenanti di tale riduzione sono l’emergenza Covid-19 e le restrizioni che ne sono conseguite. Ovviamente, in tale periodo, si è manifestata una forte caduta della produzione e dei consumi. Il calo delle assunzioni si è manifestato per tutte le tipologie contrattuali, con una forte accentuazione sui contratti a termine (stagionali, intermittenti, somministrati e a tempo determinato).
Fondamentale osservare il saldo annualizzato: parliamo della differenza tra i flussi di assunzioni e cessazioni negli ultimi dodici mesi. Quello che ci permette, cioè, di identificare la variazione tendenziale delle posizioni in essere alla fine del mese osservato rispetto al valore dello stesso mese dell’anno precedente. Ebbene, tale valore era in flessione progressiva già nel corso della seconda metà del 2019, a dimostrazione ulteriore del fatto che la crisi, in Italia, non è cominciata con la pandemia. Da osservare che le conversioni a tempo indeterminato di posizioni a tempo determinato sono 120mila in meno rispetto al 2019 e che i lavoratori autonomi diminuiscono di 219mila unità. Il terziario lascia sul terreno il 5,5% dei suoi occupati e il tasso di occupazione della fascia 15-34 anni è sceso al 39,1% in un panorama di oltre 2 milioni di disoccupati. Infine, l’occupazione per le donne cala di 2,2 punti in percentuale in confronto al -1,6% degli uomini.
Dunque, la questione del lavoro e dell’occupazione – connessa com’è alla domanda di beni e servizi – è centrale in questo complesso passaggio storico e deve far parte di un dibattito condotto con razionalità. È mia convinzione che gli strumenti di protezione sociale attivati in seguito al blocco dell’economia causato dal COVID siano stati giusti e opportuni. Senza di essi avremmo le strade piene di disoccupati. Oggi deve partire una nuova fase, perché un Paese non può vivere di sussidi.
La stesura dei piani per assicurarsi i fondi del Next Generation EU deve rispondere seriamente ai deficit strutturali emersi da tempo nel nostro Paese. Si devono ammodernare e rendere assai più agili, in primo luogo, la Pubblica Amministrazione e la Giustizia. Ma si deve anche rimodellare proprio quel tessuto produttivo fatto di imprese troppo piccole e sotto-capitalizzate. Si deve adeguare la formazione sia dal punto di vista dell’istruzione scolastica, sia sul piano della acquisizione continua di nuovi skills per riprofessionalizzare la forza lavoro operativa come quella in cerca di occupazione; quest’ultima va accompagnata con politiche attive finalmente energiche e ben organizzate. Economia sostenibile ed energie rinnovabili, digitalizzazione, mobilità, infrastrutture materiali e digitali devono essere i perni di un nuovo sviluppo di catene del valore.
Nelle prossime settimane tutti gli sforzi di elaborazione – cui è indispensabile il contributo delle forze produttive – dovranno puntare alla definizione di obiettivi chiari e al disegno di un numero limitato di indispensabili azioni strutturali come, d’altronde, già fatto da Germania e Francia. Con la consapevolezza che un’occasione come quella offerta dal programma Next Generation EU non si ripresenterà. Se ci doteremo di una saggezza nuova, potremo aprire la strada di una nuova èra.