Comunicati Stampa

BILATERALE CNEL-CES DI SPAGNA IN PREPARAZIONE DEL IV INCONTRO ERASMUS DELLE SOCIETÀ CIVILI ORGANIZZATE – L’iniziativa si svolgerà al CNEL il 27 e il 28 giugno 2024

Oggi, martedì 23 aprile, si è svolto un bilaterale CNEL – CES (Comitato Economico e Sociale) di Spagna in preparazione del IV Incontro Erasmus delle Società Civili Organizzate sul tema ‘Sviluppo strategico rurale: dal rischio spopolamento delle campagne gravi ricadute per le aree rurali della Ue’ che si terrà a Villa Lubin, sede del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro, il 27 e il 28 giugno 2024.

L’evento di giugno vedrà la partecipazione di rappresentanti del Comitato Economico e Sociale Europeo (CESE) , delle istituzioni italiane, degli attori locali, di esperti del settore e di esponenti delle società civili organizzate rappresentate nei Comitati economici e sociali dei paesi membri UE e sarà l’occasione per sviluppare metodi di lavoro ‘più europei’ su temi cruciali di interesse comune; promuovere la reciproca diretta conoscenza e la condivisione di buone pratiche; creare una rete trans-europea anche con l’obiettivo di acquisire competenze approfondite nel settore delle politiche pubbliche ed essere in grado di offrire soluzioni innovative nelle rispettive istituzioni nazionali.

All’incontro bilaterale CNEL – CES di Spagna hanno preso parte due delegazioni. La delegazione del CNEL è stata rappresentata dal consigliere Francesco Riva; Marco Ancora ed Eugenia Falchi, componenti del gruppo di lavoro CNEL ‘Promozione di stili di vita e educazione alla salute’; Gian Paolo Gualaccini, consigliere del presidente del CNEL per i rapporti con le parti sociali; Alessandra Aureli, consigliere del presidente del CNEL per il programma, l’organizzazione dei processi e i rapporti internazionali; Larissa Venturi, dirigente CNEL; Angelica Picciocchi, funzionario CNEL.

La delegazione del CES di Spagna, è stata rappresentata, invece, da Gil Ramos Masjuan, direttore dell’Ufficio per le Relazioni internazionali e istituzionali; Beatriz Martin Nieto, consulente esperta in Relazioni internazionali- direzione area relazioni internazionali-Organi istituzionali e collegiali; Francisco Javier Aibar Bernad, consigliere per l’impiego, la migrazione e la sicurezza sociale dell’Ambasciata di Spagna presso la Santa Sede; Ludia Vasilakakis, assistente del Consigliere d’Ambasciata.

Ha introdotto i lavori il consigliere CNEL Francesco Riva che ha anche portato i saluti istituzionali del presidente Renato Brunetta.

“Il CNEL – ha sottolineato Riva – ha bisogno di ampliare i propri rapporti internazionali. Incontri bilaterali come quello odierno, sono essenziali per sviluppare convergenze su temi socioeconomici, coinvolgendo i CES di tutta Europa. Il bilaterale CNEL-CES di Spagna è una tappa fondamentale per programmare adeguatamente la grande iniziativa di giugno che vedrà protagonisti i CES europei”.

Al bilaterale è intervenuto, inoltre, il vicepresidente del CNEL Claudio Risso: “L’appuntamento di giugno – ha affermato – è importante perché ha l’obiettivo di parlare di sviluppo strategico rurale. Un tema molto sentito in Italia ma di grande rilievo per tutta l’Europa. In queste settimane ci stiamo chiedendo quale modello di Europa debba essere perseguito. Credo che sia necessario avere una Europa capace di ripartire dalle comunità rurali e dai territori che si sono ormai spopolati e che sono stati brutalmente dimenticati”.

TFA IX CICLO I BANDI IN CORSO DI PUBBLICAZIONE.

Il MUR ha pubblicato l’atteso decreto che dà il via alle procedure del cd. TFA sostegno, giunto al nono ciclo. Sono in corso di pubblicazione i bandi a cura delle Università,  con le relative scadenze per la presentazione della domanda. Chiarito che i 24CFU non sono requisito necessario quale titolo di accesso per il concorso del IX Ciclo del sostegno, segnaliamo che le Università stanno differenziando le date, una specifica per i “riservatari” e una per il concorso ordinario.

Chiarito, inoltre che in relazione alle classi di concorso accorpate di cui al Decreto Interministeriale 22 dicembre 2023 n. 255, i candidati dovranno scegliere se iscriversi al TFA per la scuola secondaria di primo grado o a quello per la scuola secondaria di secondo grado.

Per accedere al percorso di specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità sarà necessario superare un test preselettivo, una o più prove scritte ovvero pratiche e una prova orale. Gli aspetti organizzativi e didattici dei percorsi di formazione sono disciplinati dagli atenei con propri bandi.

I soggetti in possesso di abilitazione per altra classe di concorso o per altro grado di istruzione sono esentati dal conseguimento dei CFU/CFA di cui ai commi 1 e 2 dell’art.5 del Decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 59 come modificato dalla Finanziaria 2019 quale titolo di accesso, fermo restando il possesso del titolo di accesso alla classe di concorso ai sensi della normativa vigente.”

Le date di svolgimento dei test preselettivi sono fissate, per tutti gli indirizzi della specializzazione per il sostegno:

  • mattina del 7 maggio 2024 prove scuola dell’infanzia;
  • mattina del 8 maggio 2024 prove scuola primaria;
  • mattina del 9 maggio 2024 prove scuola secondaria I grado;
  • mattina del 10 maggio 2024 prove scuola secondaria II grado.

 I corsi dovranno concludersi entro il 30 giugno 2025

La riserva del 35% dei posti nessuna prova selettiva                                              

Ai docenti che abbiano prestato almeno tre anni di servizio negli ultimi cinque su posto di sostegno nelle scuole del sistema nazionale di istruzione, ivi compresi le scuole paritarie e i percorsi di istruzione e formazione professionale delle regioni, e che siano in possesso del titolo di studio valido per l’insegnamento La norma parla di accesso diretto. Pertanto verrà stilata una graduatoria per l’accesso diretto (nessuna prova di selezione)

Se non si rientra nella riserva del 35% è previsto l’accesso alla prova scritta per i docenti che dovessero collocarsi oltre il numero dei posti a disposizione. Inoltre i 3 anni di servizio possono essere utilizzati per più gradi, purché la domanda sia riferita ad un solo  Ateneo.

 Gli avvisi delle Università e i bandi

ABRUZZO

Università dell’Aquila – BANDO – domande entro le ore 13 del 24 aprile 2024 – contributo euro 150 – tassa di iscrizione euro 2.840

Università di Chieti e Pescara – BANDO – domande entro le ore 14 del 2 maggio 2024 – contributo euro 150 – tassa di iscrizione euro 2.744

Università di Teramo – BANDO – domande entro le ore ore 12 del 24 aprile 2024 – contributo euro 150 – tassa di iscrizione euro 2.700

BASILICATA

Università della Basilicata – BANDO – domande entro il 23 aprile 2024 – contributo euro 120 – tassa di iscrizione euro 2.760

CALABRIA

Università della Calabria

Università Mediterranea di Reggio Calabria – BANDO – domande entro il 29 aprile 2024 – contributo euro 120 – tassa di iscrizione euro 3.000

Università Magna Graecia di Catanzaro

Università per Stranieri “Dante Alighieri” di Reggio Calabria BANDO – domande entro le ore 19 del 22 aprile 2024 – contributo euro 50 – tassa di iscrizione euro 3.500

CAMPANIA

Università Suor Orsola Benincasa – BANDO – Rettifica del bando – domande dal 9 aprile al 30 aprile 2024 – contributo euro 200 – tassa di iscrizione euro 4.100

Università di Salerno – BANDO – domande entro le 12:59 del 29 aprile 2024 – contributo euro 150 – tassa di iscrizione euro 3.500

 EMILIA-ROMAGNA

Università di Bologna – BANDO – domande entro le 12 del 30 aprile 2024 – contributo euro 100 – tassa di iscrizione euro 3.000

Università di Ferrara – BANDO – domande entro le 11 del 30 aprile 2024 – contributo euro 100 – tassa di iscrizione euro 3.000

Università di Modena-Reggio Emilia – BANDO – domande entro le 13.30 del 2 maggio 2024 – contributo euro 100 – tassa di iscrizione euro 3.000

Università di Parma

FRIULI VENEZIA GIULIA

Università di Udine – BANDO – domande entro le 12 del 26 aprile 2024

Università di Trieste – BANDO – domande entro il 22 aprile 2024 – contributo euro 120 – tassa di iscrizione euro 3.000

LAZIO

Cassino – Lazio Meridionale – BANDO – domande entro il 29 aprile 2024 – contributo euro 150 – tassa di iscrizione euro 3.200

Università di Roma – Unint – BANDO – domande entro il 24 aprile 2024 – contributo euro 150 – tassa di iscrizione euro 3.200

Lumsa – BANDO – domande entro il 30 aprile 2024 – contributo euro 150 – tassa di iscrizione euro 3.200

Università Europea di Roma – BANDO – domande entro le 12 del 2 maggio 2024 – contributo euro 150 – tassa di iscrizione euro 3.200

Università di Roma Tre – BANDO – domande entro il 29 aprile 2024 – contributo euro 150 – tassa di iscrizione euro 3.200

Università Foro Italico – BANDO – domande entro le ore 12 del 2 maggio 2024 – contributo euro 150 – tassa di iscrizione euro 3.200

Link Campus University – BANDO – domande entro il 30 aprile 2024 – contributo euro 150 – tassa di iscrizione euro 3.200

Uni Camillus – BANDO – domande entro le ore 13 del 22 aprile 2024 – contributo euro 150 – tassa di iscrizione euro 3.200

Università di Roma – Tor Vergata

Tuscia – BANDO – domande entro le ore 12 del 29 aprile 2024 – contributo euro 150 – tassa di iscrizione euro 3.200

LIGURIA

Università di Genova – BANDO – domande entro il 30 aprile 2024 – contributo euro 150 – tassa di iscrizione euro 2.800

LOMBARDIA

Università di Bergamo – BANDO – domande entro il 30 aprile 2024 – contributo euro 150 – tassa di iscrizione euro 2.800

Università di Milano La Statale – Mercoledì 17 aprile 2024 alla pagina Specializzazioni per attività di sostegno didattico verrà pubblicato il Bando

Università di Milano Bicocca – il bando sarà pubblicato indicativamente entro la metà di aprile 2024

Università Cattolica Sacro Cuore

MARCHE

Università di Macerata – BANDO – domande entro le ore 13 del 22 aprile 2024 – contributo euro 200 – tassa di iscrizione euro 2.900

Università di Urbino

MOLISE

Università del Molise – BANDO – domande entro il 29 aprile 2024 – contributo euro 150 – tassa di iscrizione euro 2.850

PIEMONTE

Università di Torino

PUGLIA

Università di Bari – BANDO – domande entro il 24 aprile – contributo euro 100 – tassa di iscrizione euro 2.800

Università di Foggia – BANDO – domande entro le ore 12 del 26 aprile – contributo euro 150 – tassa di iscrizione euro 2.816

Università del Salento

SARDEGNA

Università di Cagliari – BANDO – domande il 26 aprile – contributo euro 100 – tassa di iscrizione euro 3.000

Università di Sassari – BANDO – domande entro il 29 aprile 2024- contributo euro 100 – tassa di iscrizione euro 3.156

SICILIA

Università di Catania – BANDO – domande dalle ore 12 del 9 aprile alle ore 12 del 23 aprile – contributo euro 150 – tassa di iscrizione euro 3.700

Università di Enna Kore

Università di Messina

Università di Palermo – BANDO – domande entro le ore 13 del 29 aprile 2024- contributo euro 150 – tassa di iscrizione euro 3.700

TOSCANA

Università di Firenze – BANDO – domande entro il 1° maggio 2024 – contributo euro 100 – tassa di iscrizione euro 2.500

Università di Pisa – BANDO – domande entro le ore 12 del 30 aprile 2024

Università di Siena

TRENTINO ALTO ADIGE

Università di Trento

Libera Università di Bolzano – Preiscrizione online dal 15 aprile al 2 maggio 2024, ore 12

UMBRIA

Università di Perugia – BANDO – domande entro il 28 aprile 2024 – contributo euro 60 – tassa di iscrizione euro 3.000

VENETO

Università di Verona – BANDO – domande entro il 23 aprile 2024 – contributo euro 110 – tassa di iscrizione euro 3.350

Università di Padova – BANDO – domande entro il 23 aprile 2024 – contributo euro 101 – tassa di iscrizione euro 3.450

Malattie rare, Riva (Cnel): “Senza dati sui pazienti emofilici non si ottiene nulla”.

“La raccolta di dati è essenziale per programmare tutto ciò che è la spesa sanitaria e investire i soldi che lo Stato mette a disposizione del cittadino. Senza dati non si può far nulla”. E’ il commento di Francesco Riva, consigliere del Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro (Cnel), nell’ambito del convegno ‘Io conto! Mec: il registro di patologia e i dati sanitari, fondamentali strumenti di conoscenza e programmazione’, promosso da FedEmo in occasione della XX Giornata mondiale dell’emofilia che si celebra in tutto il mondo il 17 aprile. “Il Cnel, come organo consultivo dello Stato – ha sottolineato – può attivare delle audizioni in cui andare a coordinare questo tipo di attività. Il nostro presidente Brunetta è sempre dell’idea che senza dati non si può ottenere nulla”

Convegno della CIU al CNEL sul G.D.P.R. a cinque anni dalla sua applicazione CIU-Unionquadri: nella PA è necessario un responsabile per l’IA Brunetta: il CNEL disponibile per ddl su impatti intelligenza artificiale.

Da sinistra: Maurizio Mensi, Consigliere CESE per CIU-Unionquadri; Gabriella Ancora, Presidente CIU-Unionquadri; Renato Brunetta, Presidente del CNEL; Francesco Riva, Consigliere CNEL e CIU-Unionquadri; Fabio Petracci, Vice Presidente CIU-Unionquadri.

Roma, 8 aprile 2024 – Si è svolto nella cornice del CNEL, presso l’aula Plenaria Marco Biagi, il convegno organizzato da CIU-Unionquadri, Confederazione Italiana di Unione delle professioni intellettuali, intitolato: “Il G.D.P.R. a cinque anni dalla sua applicazione. L’impatto delle nuove tecnologie tra privacy e cybersicurezza, intelligenza artificiale e Quantum Computing”. L’iniziativa è stata patrocinata dal Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro e dal CESE – Comitato economico e sociale europeo. A circa 5 anni dall’applicazione del Regolamento 679/2016 – GDPR, il convegno ha stimolato una riflessione sulla figura professionale del responsabile protezione dati (DPO, Data Protection Officer), anche e soprattutto alla luce dell’impatto dell’intelligenza artificiale.

I lavori sono stati aperti dal Presidente del CNEL, Renato Brunetta, che ha fornito la disponibilità del CNEL, a lavorare su un ddl sugli impatti dell’intelligenza artificiale. Nel corso del suo intervento, il Presidente Brunetta ha posto l’accento sulla necessità di sgombrare il fronte da due illusioni di fondo sul fronte della transizione digitale. Da un lato, che la fruizione della rete sia a titolo gratuito. Dall’altro, che possa essere un luogo senza responsabilità, un luogo di totale libertà e licenza.

Dopo l’introduzione del Presidente Brunetta, sono intervenuti relatori di primo piano a livello nazionale ed europeo. In particolare: Gabriella Ancora, Presidente CIU-Unionquadri; Francesco Riva, Consigliere CNEL e CIU-Unionquadri; Fabio Petracci, Vice Presidente CIU-Unionquadri; Maurizio Mensi, Consigliere CESE per CIU-Unionquadri; unitamente ad altre testimonianze di esperti e professionisti del settore, fra cui Paolo La Bollita; Serena Urbano; Marcella Esposito; Antonio Bubici; Francesco Cresti; Vito Donato Grippa; Elisa Lazzaro; Alberto Tarlao.

Come ha rilevato Gabriella Ancora, Presidente CIU-Unionquadri, “Il DPO è un profilo professionale nuovo nel contesto nazionale, i cui compiti e caratteristiche sono delineati direttamente dal legislatore europeo e che avuto il merito di contribuire nel corso degli anni alla sensibilizzazione su un tema, quello della privacy, legato strettamente alla tutela dei diritti del cittadino/lavoratore”.

La discussione si è poi allargata all’impatto dell’innovazione tecnologica e in particolare dell’intelligenza artificiale sul sistema socio-economico, sul rapporto fra regole e innovazione e sull’importanza decisiva del “fattore umano”. Di qui la necessità di investire nella formazione e nella riqualificazione professionale, alla luce degli spunti che emergono dal confronto fra i due principali modelli, quello UE (con l’AI Act) e quello USA (con l’Executive Order della Casa Bianca).

Nel trarre spunto da quest’ultimo tema, la Presidente Ancora ha aggiunto che: “poiché le applicazioni dell’intelligenza artificiale sono sempre più impiegate nei settori di sanità, mobilità, giustizia, sicurezza e ambiente, occorre avviare un’azione educativa capillare e diffusa, rivolta ai dipendenti e ai cittadini/utenti, per costruire un ecosistema basato su trasparenza, fiducia reciproca e responsabilità. A tal fine anche nel nostro Paese, come negli Stati Uniti, occorre individuare in ogni amministrazione e ente pubblico un responsabile per l’IA, che possa controllare e monitorare il corretto funzionamento dei sistemi di IA”.

Contatti
Ufficio stampa c/o Verdesi and Partners
Marco Verdesi +39 346 4182418
Sara Cappelletti +39 340 4229343
ufficiostampa@verdesiandpartners.it

PRIVACY. BRUNETTA: CNEL DISPONIBILE PER DDL SU IMPATTI INTELLIGENZA ARTIFICIALE.

Il presidente del CNEL: “Siamo disponibili ad accogliere le istanze di chi si occupa di regolazione, per definire proposte di legge in questa materia”.

“La transizione digitale sta cambiando la vita delle persone e delle imprese, la vita delle nostre società. E mentre proviamo a regolare le prime ondate di cambiamento ne arrivano di nuove, come ora sta avvenendo con il tema dell’intelligenza artificiale. Il CNEL, la casa dei corpi intermedi, sta avviando un lavoro di analisi sugli inevitabili impatti che la trasformazione digitale può avere sul mercato del lavoro e sulla privacy. Siamo anche disponibili ad accogliere le istanze di chi si occupa di regolazione, per definire proposte di legge in questa materia. Va però sgomberato il campo da due illusioni. La prima è l’idea che tutta la fruizione della rete sia a titolo gratuito. Non è così. Non ci sono pasti gratis. La seconda illusione è che la rete possa essere un luogo senza responsabilità, un luogo di totale libertà e licenza. Se non siamo consapevoli di questi inganni, la regolazione diventa un’impresa impossibile”

Così il presidente del CNEL Renato Brunetta al convegno “Il G.D.P.R. a cinque anni dalla sua applicazione. L’impatto delle nuove tecnologie tra privacy e cybersicurezza, intelligenza artificiale e Quantum computing”, organizzato oggi a Villa Lubin dalla confederazione Unionquadri e dal Comitato Economico e Sociale Europeo (CESE).