News

CIU – CNEL nasce il disegno di legge per reintrodurre la figura del medico scolastico.

ASKANEWS
LabParlamento – CIU e CNEL insieme per reintrodurre il medico scolastico
BizDigital – Disegno di legge per reintrodurre la figura del medico scolastico: la proposta CIU – CNEL
https://www.bizdigital.it/2021/07/05/disegno-di-legge-per-reintrodurre-la-figura-del-medico-scolastico-la-proposta-ciu-cnel/
 

Neapòlis – CIU – CNEL: serve il medico nelle scuole

SPQRDaily – CIU – CNEL: nasce il disegno di legge per reintrodurre la figura del medico scolastico

Il ruolo strategico della vigilanza tecnologica negli scenari operativi militari. Il pieno controllo del triangolo D.P.E. (Detection, Positioning, Engagement).

La CIU Lazio ha partecipato con i propri iscritti  al Webinar ANUTEI che si è tenuto on line il 22 giugno 2021 dalle h 10.
sul tema “Il ruolo strategico della vigilanza tecnologica negli scenari operativi militari. Il pieno controllo del triangolo D.P.E. (Detection, Positioning, Engagement)” .
 
Il segretario CIU Lazio e Vice Presidente ANUTEI , ing Giovanni Gasbarrone tra gli organizzatori dell’evento on line e relatore/moderatore , sottolinea come la trasformazione digitale sia ormai pervasiva e trasversale sia con le innovazioni di processo, sia nell’ organizzazione del lavoro. La trasformazione digitale  vede sempre di più coinvolte le alte professionalità  nelle tecnolgie ICT in ottica dual use in ambito Difesa con esempi di start up e partenariato pubblico-privato nel Lazio oramai un benchmark a livello nazionale nei settori della Ricerca e sviluppo .
Il webinar vede i la partecipazione di istituzioni  ed aziende rappresentate dalle  alte professionalità dei ricercatori  e dai Quadri  in primo piano oltre alle  associazioni d’imprese e università del Lazio come Aten Is  e ANUTEI Associazione Nazionale Ufficiali Tecnici Esercito italiani.

La Biennale di Venezia – Al via da oggi il primo bando Biennale College Arte per giovani artiste/i emergenti under 30

Venezia, 16 giugno 2021 – Al via da oggi il primo bando Biennale College Arte, il cui workshop
avrà inizio dal prossimo autunno 2021. L’obiettivo è quello di affiancare all’Esposizione
Internazionale d’Arte un laboratorio di alta formazione, ricerca e sperimentazione per lo
sviluppo e la produzione di progetti di artiste/i emergenti under 30 provenienti da tutto il
mondo.
Il bando internazionale Biennale College Arte resterà aperto per sei settimane, da mercoledì 16
giugno fino a lunedì 26 luglio 2021.
Il bando è riservato a giovanni artiste/i emergenti under 30 provenienti da tutto il mondo (che
non abbiano compiuto 31 anni alla data di scadenza di presentazione delle domande), che abbiano
partecipato ad almeno una mostra collettiva e al cui lavoro sia stata dedicata almeno una mostra
personale in spazi espositivi riconosciuti in ambito nazionale e/o internazionale.
Saranno selezionati 12 progetti e le/gli artiste/i saranno invitate/i a partecipare a un workshop di
10 giorni dedicato allo sviluppo dei progetti proposti, che si svolgerà a Venezia nel mese di
ottobre 2021.
Il workshop, che alternerà momenti individuali e di gruppo, sarà coordinato dalla Direttrice del
Settore Arti Visive, Cecilia Alemani, assieme a curatori e artisti, tutor e mentori direttamente
impegnati allo sviluppo dei progetti con i partecipanti.
Al termine del workshop le/gli artiste/i avranno a disposizione 3 settimane per lavorare sui
progetti e consegnare una proposta finale. Sulla valutazione dei materiali Cecilia Alemani
selezionerà fino a quattro progetti, che potranno accedere a un contributo massimo di 25.000
euro per la realizzazione del lavoro finale.
Le opere saranno presentate, fuori concorso, nel contesto della 59. Esposizione Internazionale
d’Arte della Biennale di Venezia, Il latte dei sogni / The Milk of Dreams, a cura di Cecilia
Alemani.
Il Presidente della Biennale Roberto Cicutto dichiara:
«Con l’avvio del College Arte, La Biennale offre un’ulteriore importante opportunità a giovani
artisti di allargare il raggio dei propri rapporti professionali e soprattutto di stringere relazioni con
altri giovani e con affermati professionisti. Le artiste e gli artisti saranno accompagnati in una
nuova fondamentale tappa della loro crescita dal curatore dell’Esposizione Internazionale e dai
tutor che li assisteranno. Dopo Cinema, Danza, Teatro, Musica e Archivio Storico, l’Arte non
poteva mancare a questo approfondimento che caratterizza le attività della Biennale da molti anni.
Sono grato alla Curatrice della Biennale Arte 2022, Cecilia Alemani, di aver accettato di aprire
questa nuova sfida, che la carica di più responsabilità e lavoro. Ma sono certo che i risultati, che
saranno raggiunti a partire dal prossimo anno e per molti anni a venire, ripagheranno largamente
dell’impegno investito. La Biennale è lieta di accogliere nella propria famiglia ancor più giovani
artisti, ai quali va un grande in bocca al lupo per l’affrontare con noi questa nuova straordinaria
esperienza.»
La nascita del College per questa nuova disciplina si prefigura di importanza decisiva per il Settore
Arti Visive della Biennale. Tale programma di attività permanenti, “oltre l’Esposizione”, assume
così una configurazione del tutto inedita, volta a favorire lo sviluppo di nuove energie creative.
Come partecipare
Il testo completo del bando Biennale College Arte è disponibile online su www.labiennale.org
Tutti i materiali richiesti dovranno essere trasmessi entro il 26 luglio.
Calendario e programma
16 giugno 2021 – Lancio bando “Biennale College Arte”
26 luglio 2021 – Chiusura bando “Biennale College Arte”
23 agosto 2021 – Comunicazione del risultato ai selezionati
15 settembre 2021 – Annuncio dei 12 progetti e artiste/i selezionati
1-10 ottobre 2021 (giorni di viaggio: 30 settembre – 11 ottobre) a Venezia – workshop per le/gli
artisti dei 12 progetti selezionati
1 novembre 2021 – scadenza per la consegna del progetto finale, del budget e del calendario
richiesti alle/agli artiste/i dei 12 progetti selezionati
Entro il 15 novembre 2021 – Comunicazione dei risultati della selezione finale
11 – 17 gennaio 2022 – workshop online di pre-produzione
1 aprile 2022 – data di consegna a Venezia
Biennale College
Biennale College è il progetto della Biennale di Venezia dedicato alla formazione e al supporto dei
giovani in tutti i settori artistici e nelle attività proprie della struttura organizzativa della Biennale.
Già attivo per i settori di Cinema, Danza, Musica, Teatro e Archivio Storico, Biennale College nasce
con l’obiettivo di promuovere giovani talenti, offrendo loro di operare a contatto con Maestri per la
messa a punto di “creazioni” che diventeranno parte dei programmi dei Settori artistici.
Hashtag ufficiale #BiennaleCollegeArte
Per ulteriori informazioni: Ufficio Stampa Arti Visive – La Biennale di Venezia
Tel. +39 041 5218 – 846/849 | Email: infoartivisive@labiennale.org
Facebook: La Biennale di Venezia | Twitter: @la_Biennale
Instagram: la biennale | Youtube: BiennaleChannel

Ciu-Unionquadri partecipa alle audizioni del Cnel sul Futuro dell’Europa.

La Discussione – CNEL e Ciu-Unionquadri uniti sul Futuro dell’Europa

LabParlamento – Al CNEL si discute sul futuro dell’Europa: le proposte della Ciu-Unionquadri
 
SPQRDaily – Audizioni del Cnel sul Futuro dell’Europa: partecipa anche Ciu-Unionquadri
BizDigital – Ciu-Unionquadri partecipa alle audizioni del CNEL sul Futuro dell’Europa
Neàpolis – Futuro dell’Europa: audizioni del CNEL con Ciu-Unionquadri

MENTRE I PENSIONATI “SCIVOLANO” I GIOVANI NEOASSUNTI BRANCOLANO: LUCI ED OMBRE DEL CONTRATTO DI ESPANSIONE.

Si fa strada in molte realtà aziendali il c.d. “contratto di espansione”, ovvero l’accordo tra lavoratore (in possesso di determinati requisiti) e azienda per permettere – al primo – di lasciare il lavoro in anticipo e – alla seconda – di assumere giovani ottenendo notevoli risparmi.

Pensato per sostenere il ricambio generazionale nelle aziende il contratto di espansione nasce con il D.L. n. 34/2019 (c.d. “Decreto crescita”) in forma sperimentale per gli anni 2019 e 2020. Da subito tale strumento ha trovato terreno fertile in molte grandi realtà produttive impegnate in processi di reindustrializzazione e riorganizzazione. Grazie a tale incentivo molte imprese hanno potuto programmare nel tempo un piano di assunzioni e, nel contempo, individuato il numero dei lavoratori che hanno potuto accedere, a certe condizioni, ad un’indennità in attesa di raggiungere i requisiti pensionistici.

L’ultima legge di Bilancio ha prorogato il contratto di espansione a tutto il 2021, riducendo da 1000 a 500 il numero minimo di dipendenti aziendali utili per l’applicazione del contratto medesimo. A dimostrazione della nuova politica intrapresa dal Governo in tema occupazionale, con il recentissimo decreto “Sostegni-bis” tale soglia è stata ulteriormente abbassata a 100 dipendenti.

La filosofia alla base del contratto di espansione è semplice e, apparentemente, rappresenta un gioco a somma positiva per tutti: i lavoratori più anziani, sottoscrivendo un accordo volontario, possono raggiungere la soglia della sospirata pensione sino a 5 anni prima del previsto e, in cambio, le aziende possono assumere leve fresche e motivate, con notevoli risparmi in termine di riduzione di costi complessivi di personale, poiché le nuove assunzioni saranno meno costose del personale in uscita” ha sottolineato Gabriella Àncora, Presidente nazionale di CIU-Unionquadri, il sindacato maggiormente rappresentativo della categoria dei Quadri, presente al CNEL e al Comitato Economico e Sociale Europeo – CESE. “Guardando più da vicino, però, si intravede una criticità, ovvero il rischio di lasciare soli e senza guida i giovani neoassunti; in condizioni normali, infatti, sono i lavoratori più anziani che accompagnano i più giovani nelle dinamiche aziendali. Oggi, con l’applicazione degli scivoli, i lavoratori dotati di maggiore expertise non ci saranno più, rischiando di lasciare senza un’adeguata guida i più neofiti.

“Una possibile soluzione a tale vuoto di conoscenza può giungere dalla figura-chiave dei Quadri, categoria di grandi potenzialità ed opportunità non ancora sfruttate. Tale categoria, formata da donne e uomini di esperienza, potrà assicurare l’accoglienza e lo sviluppo delle nuove risorse, costituendo in tale maniera un ponte tra il futuro dell’azienda, in ingresso, e l’illustre passato, in uscita. Da tempo sosteniamo la necessità – tanto in ambito privato quanto in quello pubblico – di prevedere un contratto-tipo dedicato ai Quadri, di semplice ed immediata applicazione, strumento che permetterebbe di rilanciare la figura e la professionalità di tale categoria, individuandone con precisione i contorni e valorizzando le enormi possibilità previste da una definizione ampia quale quella prevista dalla legge 190/85. Riteniamo che i tempi siano maturi per iniziare una riflessione congiunta su tale esigenza” ha concluso Ancora.

7 giugno 2021 ore 15.00 – Tavola rotonda digitale dal titolo “Sicurezza sul lavoro: prevenire, non reprimere”

Ciu-Unionquadri partecipa alle audizioni del Cnel sul Futuro dell’Europa.

Alla presenza del Presidente del CNEL Prof. Tiziano Treu si è svolta la riunione della Commissione istruttoria III – Politiche UE e Cooperazione Internazionale, Presidente Floriano Botta, coordinata dal Consigliere Gian Paolo Gualaccini.

Hanno partecipato, al dibattito sulla ‘Conferenza sul futuro dell’Europa’ i responsabili dei rapporti internazionali delle principali Parti Sociali presenti al Cnel: per la CIU è intervenuto il consigliere CESE Maurizio Mensi, responsabile relazioni internazionali CIU-Unionquadri. Era presente anche il Cons. Cnel Francesco Riva

CIU-Unionquadri, ha dichiarato il Cons. Mensi, concorda con il CNEL nell’auspicare un salto di qualità nell’economia e nella politica comunitaria, in linea con le priorità della Presidenza Portoghese e le puntuali indicazioni contenute nel documento del CNEL del 25 novembre 2020 “Riformare l’Europa”. Occorre non perdere l’occasione di rivedere e rafforzare il modello economico, sociale e l’ordine istituzionale e politico europeo. Particolarmente rilevante – ad avviso di CIU-Unionquadri – è la terza delle 4 proposte contenute nel documento CNEL, dedicata alla convergenza politica per una UE più integrata su materie fondamentali e capace di rispondere con maggior efficacia alle sfide attuali.  La crescente dipendenza da servizi “software” e l’aumento di interdipendenza delle “catene del valore digitali” inducono a ritenere essenziale un intervento mirato di alfabetizzazione digitale rivolto alle categorie professionali, focalizzata sul digitale e la cybersicurezza e sull’uso trasparente e responsabile dei dati (personali e non), in linea con le iniziative dell’UE.

CIU-Unionquadri ritiene che l’emergenza sanitaria abbia evidenziato che risultano vincenti i sistemi basati su regole e procedure ben congegnate e perfettamente allineate agli strumenti più avanzati dell’innovazione tecnologica: Big Data, metodi di rilevazione accurati, controlli basati sull’intelligenza artificiale. Questo chiama in causa le politiche pubbliche in tema di digitale, la consistenza delle infrastrutture digitali, la geometria dei poteri, il grado di efficienza organizzativa ma soprattutto le competenze. L’esigenza per ogni Paese di disporre di un’infrastruttura tecnologica all’avanguardia in grado di rispondere alle emergenze ha peraltro diffuso la consapevolezza che occorra un nuovo, ritrovato ruolo dello Stato e del potere pubblico. Uno Stato che dovrà riqualificare la propria azione con regole nuove e aggiornate (future proof) e vigilare sul loro rispetto, così da incoraggiare uno sviluppo sostenibile e garantire autodeterminazione informativa e libertà individuale, a tutela dell’interesse generale e a garanzia dei diritti individuali, affinché l’innovazione sia al servizio del benessere collettivo.

MISURE SULLA SCUOLA D.L. 73 SOSTEGNI BIS VANNO CAMBIATE MOLTE DISPOSIZIONI SECONDO LA CONFAL FEDERAZIONE SCUOLA ADERENTE CIU.