Confederazione Italiana di Unione
delle Professioni intellettuali
Pubbliche Amministrazioni

Dr. Roberto Italiano
Responsabile Nazionale CIU per i Quadri del Pubblico Impiego

 

La CIU è impegnata per una Pubblica Amministrazione orientata a migliorare la sua produttività, efficienza e qualità professionale nei servizi al cittadino, con conseguente riduzione del costo unitario dei servizi stessi.
Per altro verso va riaggiornata la sua funzione di promuovere l’internazionalizzazione del sistema Italia. Occorre fornire supporto, in particolare per le reti economiche locali e delle Piccole e Medie Imprese, nonché opportunità di espansione ed informazione che il mercato europeo, ormai saturo, non assicura più per il subentro della produzione manifatturiera asiatica e non più a basso costo.
È difficile per le piccole Imprese, che cercano di operare in terra straniera, sopportare costi più elevati di consulenze giuridiche, fiscali, bancarie, etc, per familiarizzare con nuovi regimi di diritto societario, fiscale, lavoristico, ect….
Pertanto a livello locale le Amministrazioni Pubbliche devono promuovere reti di operatori economici (distretti, consorzi etc.) con Istituzioni Pubbliche (Università, Scuole, Enti di Formazione etc.) coordinate da un “quadro pubblico” che diventa l’”accompagnatore professionale” delle iniziative.
Da questo cambiamento di cultura e di funzioni le elevate professionalità delle Pubbliche Amministrazioni, come i “Quadri” del Pubblico Impiego, ne ricaveranno un beneficio ed un più prestigioso ruolo nel “sistema Italia”.
La CIU si sta battendo da anni per ottenere il riconoscimento di uno  “status” che risalti la loro specificità, come è già avvenuto nel settore privato, mediante l’estione nel Pubblico Impiego della legge sui quadri ( 190/85) e delle prerogative che a queste figure competono.

==========================================================

COMPARTO UNICO DEL PUBBLICO IMPIEGO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA VERSO LO SCIOPERO
 

Dopo il tentativo di conciliazione tenutosi presso la Prefettura di Trieste, neppure l’incontro convocato per ieri, 11 maggio, ha sortito alcun positivo risultato per il personale del comparto unico del pubblico impiego del Friuli Venezia Giulia.
La quantificazione delle risorse, sottoposta al tavolo dalla Delegazione trattante regionale, si è collocata ben al di sotto delle aspettative del personale e delle organizzazioni sindacali, dopo sei anni di blocco totale della contrattazione.
Dall’anno 2009, con il blocco del turn-over, oltretutto, sono più di duemila in meno i lavoratori del comparto, carenza alla quale sta sopperendo il personale in servizio.
A ripristinare la legittimità nel settore pubblico è stata la Corte Costituzionale con sentenza 178/2015, acclarando l’incostituzionalità delle continue reiterazioni del blocco della contrattazione.
 

Trieste, 12 maggio 2016

==========================================================

 CONTRIBUTO DELLA CIU ALLA PROPOSTA DEL GOVERNO SULLA RIFORMA DELLA P.A.

Pubblichiamo la nota di proposte della CIU, inviata al Presidente del Consiglio Matteo Renzi ed al Ministro della Funzione Pubblica Maria Anna Madia, relativa alla proposta per la riforma della Pubblica Amministrazione.

 

Scarica qui il documento

Roma, 4 giugno 2014

==========================================================


Cerca
CIU Web TV
Vai all'archivio